Blood flow restriction: affaticamento neuromuscolare a diverse percentuali di occlusione

Muscionico, Edoardo and Bernasconi, Samuele (2023) Blood flow restriction: affaticamento neuromuscolare a diverse percentuali di occlusione. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Bernasconi_Samuele_Muscionico_Edoardo.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (2MB)

Abstract

Questo studio ha l’obbiettivo di osservare gli effetti acuti del blood flow restriction a livello neuromuscolare, attraverso una contrazione isometrica pari a 10 kg di forza, eseguita in una posizione di 90° di flessione di ginocchio e mantenuta fino al cedimento, in cinque soggetti sani. Le prove sono state somministrate a differenti intensità, rispettivamente allo 0%, 40% e 80% arterial occlusion pressure (AOP). La nostra ipotesi era che la contrazione all’80% di occlusione sanguigna mostrasse un maggiore affaticamento elettromiografico e percepito rispetto al 40%, e che a sua volta quest’ultimo provocasse un affaticamento maggiore dello 0% di intensità. Le misurazioni eseguite sono state: l’elettromiografia superficiale per osservare l’ampiezza e la frequenza degli impulsi nervosi del quadricipite, lo sforzo percepito tramite l’uso della scala Borg CR10, il discomfort degli individui attraverso una VAS modificata, la circonferenza dell’arto inferiore e la frequenza cardiaca mediante l’utilizzo di un saturimetro e un cardiofrequenzimetro da polso. Diversamente dalle nostre aspettative l’80% non ha mostrato un predominio in termini di elettromiografia, sono stati registrati comunque dei valori più alti attraverso l’esercizio con occlusione rispetto che alla contrazione isometrica svolta con lo 0% AOP. Mentre a livello di affaticamento percepito e frequenza cardiaca la percentuale di restrizione più elevata ha mostrato risultati superiori. Questo non vale per il discomfort e per la circonferenza che hanno ottenuto dei valori più confusi. Concludiamo dicendo che il BFR può essere un ottimo strumento da utilizzare nella clinica, anche in problematiche come l’Arthrogenic muscle inhibition (AMI). Altri studi sono necessari per determinare l’AOP ottimale.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Supervisors: Schneebeli, Alessandro
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Bachelor in Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4986

Actions (login required)

View Item View Item