L’influenza culturale nell’intervento ergoterapico con approccio centrato sulla famiglia per bambini affetti da Paralisi Cerebrale Infantile: una Scoping Review

De Lorenzi, Francesca (2023) L’influenza culturale nell’intervento ergoterapico con approccio centrato sulla famiglia per bambini affetti da Paralisi Cerebrale Infantile: una Scoping Review. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Delorenzi_Francesca.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (3MB)

Abstract

Background: la Paralisi Cerebrale Infantile (PCI) è la più frequente disabilità motoria dell’infanzia, con prevalenza di 2 su 1'000 nati vivi. Le evidenze raccomandano una presa a carico tempestiva, multidisciplinare e family-centred. Il Gold Standard nella pratica ergoterapica è l’approccio centrato sulla famiglia, ma il concetto di famiglia è cambiato nel tempo, evolvendosi oggi all’interno di società multiculturali, dove la cultura assume un ruolo centrale per l’ergoterapia. L’obiettivo di questo Lavoro di Tesi è indagare (1) se gli ergoterapisti considerino la cultura nella presa a carico delle famiglie di bambini con PCI e in che modalità (2). Metodologia: è stata scelta la Scoping Review per delineare lo stato dell’arte, a cui complemento si è eseguita un’intervista semi-strutturata ad un’ergoterapista che ha lavorato in Sud Sudan. Risultati: nella ScR sono stati inclusi 8 articoli, svolti in 7 nazioni diverse, per un totale di 230 persone reclutate. Attraverso l’analisi si sono individuate 5 macro-categorie, per un totale di 10 temi chiave riferibili alla cultura e alla pratica ergoterapica. Conclusione: gli ergoterapisti considerano i diversi elementi della cultura in modo parziale, a seconda degli obiettivi e del tipo di intervento. In generale, i paesi con risorse precarie riportano maggiori ostacoli all’intervento ergoterapico, ma anche nelle nazioni industrializzate c’è il rischio di far vivere ai clienti un’esperienza riabilitativa incongrua rispetto alla cultura di riferimento. Il modello Kawa e i concetti di umiltà e competenza culturale possono sostenere gli ergoterapisti nella pratica, favorendo prestazioni eque e consapevoli, ma ulteriori ricerche in merito sono auspicabili. Key Words: cerebral palsy, occupational therapy, family-centred care, culture

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Supervisors: Palma, Alessia
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Bachelor in Ergoterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4968

Actions (login required)

View Item View Item