Aspetti della liquidazione parziale diretta. L’acquisto di azioni proprie da parte della società stessa

Nicoletti, Simone (2023) Aspetti della liquidazione parziale diretta. L’acquisto di azioni proprie da parte della società stessa. Bachelor thesis, Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI).

[img] Text
Nicoletti_Tesi_Eco_Bsc.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB)

Abstract

L’acquisto di azioni proprie da parte delle società emittenti è una pratica diffusa nel contesto economico svizzero. Dal punto di vista del Codice delle Obbligazioni (CO) questa pratica è stata in parte oggetto della recente riforma del diritto societario (a decorrere dal 1. Gennaio 2023). Prima di quest’ultima, secondo il diritto societario, le azioni proprie erano considerate degli attivi di bilancio, mentre nel diritto contabile erano considerate come passivi. La riforma ha eliminato l’incongruenza e le azioni proprie sono iscritte a bilancio come posta negativa del capitale proprio. Sullo sfondo delle premesse appena esposte è possibile determinare gli effetti fiscali in capo alla società e all’azionista. In questo senso, partendo dall’imposta preventiva (IP), il cui prelevamento avviene al momento dell’acquisto nel caso in cui la società acquista le azioni proprie a seguito di una decisione di riduzione del capitale, nell’intento di ridurlo o superati i limiti dell’artt. 659 o 783 CO (c.d. liquidazione parziale diretta incondizionata). Il prelevamento dell’imposta preventiva viene posticipato nel caso in cui la società acquista le azioni proprie nei limiti degli artt. 659 o 783 CO, ma non riduce il suo capitale o non rivende le azioni proprie entro il termine di sei anni (c.d. liquidazione parziale condizionata) (art. 4a LIP). La situazione migliore per l’azionista venditore si presenta quando le azioni sono detenute nella sostanza privata, la società di capitali acquirente rispetta i limiti quantitativi (artt. 659 o 783 CO) e temporali (art. 4a LIP). In questo caso si è in presenza di un capital gain esente da imposte (art. 16 cpv. 3 LIFD). Infine, per le conseguenze fiscali sulle imposte dirette per la società acquirente viene posta l’attenzione sul fatto che il cambiamento nella contabilizzazione delle azioni proprie ha dato vita a diverse visioni, da una parte la Conferenza svizzera delle imposte (CSI) e l’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) ritengono che ai fini fiscali e civili le azioni proprie sono ancora considerate degli attivi, dall’altra il Tribunale cantonale del Canton Zurigo e in parte il Tribunale federale (TF) ritengono che le stesse debbano essere trattate secondo le nuove disposizioni attualmente in vigore. Per quanto concerne l’imposta sul capitale il TF si è pronunciato chiarendo come le azioni proprie riducono il capitale proprio imponibile, mentre per l’imposta sull’utile non si è ancora espresso e l’assenza di norme specifiche da applicare nella fattispecie della futura rivendita a terzi delle azioni proprie (rimessa in circolazione) ha generato differenti scenari.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Supervisors: Vorpe, Samuele
Uncontrolled Keywords: Acquisto azioni proprie, liquidazione parziale diretta, effetti fiscali, fiscalità
Subjects: Economia
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Bachelor in Economia aziendale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4950

Actions (login required)

View Item View Item