Visione oltre la somma delle singole parti: un nuovo approccio visivo alla teoria della Gestalt

Mazzei, Alessia (2023) Visione oltre la somma delle singole parti: un nuovo approccio visivo alla teoria della Gestalt. Bachelor thesis, Scuola universitaria della Svizzera italiana.

[img] Text
Mazzei_Alessia_Dossier_Pagine_Affiancate.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (30MB) | Request a copy
[img] Text
Mazzei_Alessia_Opuscolo.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (33MB) | Request a copy
[img] Text
Mazzei_Alessia_Cartoline.2.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (11MB) | Request a copy
[img] Image
Mazzei_Alessia_4.jpg
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (595kB) | Request a copy
[img] Image
Mazzei_Alessia_5.jpg
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (688kB) | Request a copy
[img] Text
Mazzei.rtf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (8kB)

Abstract

Nell’era multimediale e digitale la grafica e gli aspetti associati al mondo delle immagini rappresentano i pilastri fondamentali della comunicazione e la percezione visiva rappresenta un importante argomento di discussione sia per la sua complessità che per l’importanza che ricopre all’interno della vita quotidiana. Dalla conoscenza di come avvengono i meccanismi della percezione visiva, noi progettisti abbiamo la possibilità di dare vita al processo creativo al fine di risolvere, in modo visivo, problemi nella maniera più rapida ed efficace possibile. Per questo motivo il mio progetto di tesi si concentra principalmente sulla creazione di un nuovo approccio e di un’esperienza visiva che possano convivere con la raffigurazione esistente osservando e analizzando la teoria della Gestalt da una nuova prospettiva. Così, partendo da una rappresentazione differente rispetto al solito che pone al centro dell’attenzione gli organi della vista e l’utilizzo di una delle nuove tecnologie digitali, il tracciamento oculare, è avvenuta la creazione della nuova raffigurazione con l’obiettivo di valorizzare, divulgare e promuovere questa teoria. Il pubblico utilizzatore costituisce la platea di utenti a cui si rivolge il progetto, ossia quella cerchia di individui che professionalmente utilizza i principi della teoria e che facilmente si ritroverebbe nel contesto dei festival sulla comunicazione visiva: luoghi di scambio di idee e particolarmente concentrati sul campo visivo.
Essere partita da un'analisi storica è stato di fondamentale importanza al fine di comprendere l’argomento nel modo più esaustivo possibile. Gli aspetti teorici che sono stati analizzati riguardano infatti la percezione visiva in generale, la nascita della teoria e le sue componenti, il suo rapporto con la progettazione e le tecnologie digitali emergenti. Per quanto riguarda la parte visiva invece, l’analisi è stata basata principalmente sulla ricerca di come questa teoria sia stata raffigurata visivamente negli ultimi anni constatando e valutando, al contempo, una diversa prospettiva dalla quale avrei potuto creare la nuova raffigurazione e di conseguenza un nuovo approccio per divulgare l’argomento. Al termine della ricerca teorica e visiva la vista e il percorso che gli occhi tracciano nel momento dell’osservazione sono stati individuati come elemento caratteristico e rappresentativo in quanto ricoprono un ruolo cruciale in due casi differenti: nell'ambito della percezione visiva agiscono come l'organo motore che avvia l'intero processo, mentre nel contesto del tracciamento oculare diventano il soggetto stesso che viene analizzato.
SIGN nasce con l’obiettivo di far emergere e promuovere una teoria, tutt’ora rilevante per la nostra professione, che da diversi anni riporta una raffigurazione pressoché invariata, ma non solo. Tra gli obiettivi vi è anche quello di tentare di abbattere lo stereotipo che presuppone le nuove tecnologie come potenziali sostituti ai ruoli di noi progettisti. Grazie a questo percorso ho avuto la possibilità di cogliere quanti aspetti e particolarità siano presenti alla base della percezione visiva, ossia di ciò con cui noi progettisti ci confrontiamo giornalmente, ma soprattutto di come possano essere ripresi e resi contemporanei argomenti sfruttando la presenza delle nuove tecnologie digitali. La mia tesi non raffigura la sostituzione visiva di una teoria esistente, ma penso di poter affermare che sia possibile sfruttare le nuove invenzioni tecnologiche a nostro favore al fine di rielaborare ciò che è ormai presente da anni valorizzandolo attraverso nuovi aspetti che magari prima rimanevano, il più delle volte, all’oscuro. Piuttosto che un traguardo, SIGN rappresenta un punto di partenza dal quale si potranno sviluppare molteplici diramazioni future.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: Comunicazione Visiva
Supervisors: Bocci, Andrea
Subjects: Design
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Bachelor in Comunicazione visiva
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4880

Actions (login required)

View Item View Item