Piano B(ee) Se sei saggio, fai come l’ape Progettazione di un percorso ed un’esprienza visiva mirata alla sensibilizzazione del bambino sulle api all’interno dello Spazio Officina del m.a.x. Museo

Bonsignore, Elisa (2023) Piano B(ee) Se sei saggio, fai come l’ape Progettazione di un percorso ed un’esprienza visiva mirata alla sensibilizzazione del bambino sulle api all’interno dello Spazio Officina del m.a.x. Museo. Bachelor thesis, Scuola universitaria della Svizzera italiana.

[img] Text
Bonsignore_Doppie.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (54MB) | Request a copy
[img] Text
Bonsignore_Progetto.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (3MB) | Request a copy
[img] Image
1.jpg
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (3MB) | Request a copy
[img] Image
3.jpg
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (825kB) | Request a copy
[img] Image
6.jpg
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial Share Alike.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text
Bonsignore.rtf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (9kB)

Abstract

Piano B(ee) si sviluppa in un percorso interattivo e coinvolgente mirato alla sensibilizzazione dei bambini delle scuole elementari, riguardo al ruolo fondamentale svolto dalle api, l’obiettivo primario è quello di educare i bambini riguardo la loro importanza e su come apparirebbe il mondo se esse scomparissero. Il percorso è caratterizzato da attività ludiche, esperienze pratiche, contenuti educativi, linee e aree gialle segnaletiche, che accompagnano i bambini attraverso 4 stanze in modo chiaro ed intuitivo attraverso l’utilizzo di titoli, testi ed in alcuni casi proiezioni di video. Il percorso si sviluppa attraverso una comunicazione visiva adatta ai bambini, che tenga conto del loro mondo, del loro linguaggio e delle loro dimensioni fisiche, quel che è grande diventa piccolo e quel che è piccolo diventa grande, la particolarità del progetto è l’utilizzo del cambiamento di scala, dove l’habitat dell’umano diventa a misura di bambino e l’habitat dell’ape diventa gigante. Questo approccio giocoso permette di dare ai visitatori un punto di vista insolito e sorprendente rispetto al tema, incentivando curiosità ed interesse. La fase di ricerca si è basata su due principali argomenti, “le api” e “l’educazione dei bambini”, le domande rivolte a docenti, psicologi e apicoltori, mi hanno aiutata sia ad avere informazioni più approfondite riguardo il mondo delle api e dell’apicoltura e sia a comprendere la visione, il linguaggio e il comportamento dei bambini durante l’apprendimento. Mi sono accupata di approfondire gli argomenti che desideravo trattare ed analizzare i casi studio più pertinenti ed interessanti per il mio progetto. In particolare la domanda posta da Marguerite Humeau nel caso studio “Meys” White Cube Bermondsey LON, mi ha portata ha fare una riflessione. “Ci sono forme di vita che sopravviveranno a noi, come possiamo prenderle come nostre guide o compagne per capire come navigare nel nostro futuro?”. Il progresso della ricerca si articola sul come apparirebbe il mondo senza api. Mi ritengo soddisfatta del lavoro svolto e dei risultati raggiunti fino ad ora, specialmente sono contenta di aver progettato un percorso che ritengo risultato interessante per i bambini. Dal punto di vista del progetto di design delle stanze sono soddisfatta del concetto del percorso e delle scelte di evidenziare parti dell’architettura lavorando sia con elementi segnaletici che con campiture di colore. Non avendo competenze in architettura ho dovuto trovare un modo sufficientemente comunicativo per mostrare con rendering e schizzi le mie proposte visive. Per migliorare la comunicazione delle varie stanze ho avuto l’occasione di scoprire “Shapr3D” un’applicazione che mi ha permesso di realizzare dei modelli 3D partendo da schizzi che ho realizzato. Questa applicazione mi ha permesso di poter viaggiare tra i vari spazi che mano a mano ho progettato. Ho faticato a trovare una corretta modalità di visualizzazione perchè ho scelto un’ambiente tridimensionale che è meno semplice dei progetti realizzati fino ad ora, ma questa l’ho considerata la mia sfida personale e professionale. Come possibili sviluppi futuri, mi immagino di poter realizzare il progetto del mio percorso per classi di bambini, con la partnership di colleghi architetti con cui potermi relazionare professionalmente sull’allestimento tridimensionale. La realizzazione del progetto mi consentirebbe di avere feedback di bambini ed esperti, che potrebbero rivelarsi utili a migliorare il percorso. In occasione di una possibile realizzazione della mostra/evento all’interno di Spazio Officina, sarà necessario occuparsi oltre che alla realizzazione dell’allestimento anche della sposorizzazione e della comunicazione al pubblico, con manifesti e volantini.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: Comunicazione Visiva
Supervisors: Massa, Laura
Subjects: Design
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Bachelor in Comunicazione visiva
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4875

Actions (login required)

View Item View Item