Perfezione apparente I limiti dell’IA

Ponti, Giulia (2023) Perfezione apparente I limiti dell’IA. Bachelor thesis, Scuola universitaria della Svizzera italiana.

[img] Text
Ponti_Giulia_Dossier_affiancate.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (76MB)
[img] Text
Catalogo_1.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (44MB)
[img] Text
Catalogo_2.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (39MB)
[img] Image
1.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (4MB)
[img] Video
reel 1 mood.mp4
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (18MB)

Abstract

Il progetto di tesi vuole indagare i limiti e il potenziale delle nuove tecnologie, esplorando i risultati della collaborazione professionale tra designer e intelligenza artificiale generativa. Il focus centrale ruota attorno alla misura in cui l’IA può replicare contenuti simili a quelli umani, emulando l’identità umana e supportando la professione del designer. Fino a che punto l’IA può competere con la realtà arrivando ad assomigliare all’uomo? In che modo l’identità dell’uomo può essere emulata dall’IA? In che modo l’IA può essere di supporto alla professione del designer? Qual è il livello di autonomia della macchina, quali aspetti la rendono riconoscibile e come il designer può sfidare questi limiti? Con queste intenzioni il progetto tratta la generazione di immagini, testi e audio realizzando i profili social di una designer inesistente, con l’obiettivo di creare contenuti di qualità e credibili. L’esistenza del personaggio viene portata anche nel mondo fisico attraverso la progettazione e realizzazione di un catalogo che raccoglie e presenta le opere della designer. Al contempo, i limiti del progetto sono documentati in una rivista, che cataloga le immagini scartate durante la fase di materializzazione evidenziando gli errori nel prompt. Il progetto si rivolge principalmente ad un pubblico di professionisti appartenenti all’ambito creativo, sperimentando e mostrando i vantaggi che un utilizzo consapevole, anche dei limiti, può portare alla professione. La ricerca comprende varie fasi, tra cui la generazione dell’immagine e la valutazione della sua divergenza dalla realtà, che porta alla cura della rivista di raccolta degli errori. L’aspetto audio raggiunge un notevole realismo, trasmettendo variazioni di tono, risate, sospiri e sfumature vocali emotive. L’implementazione della tecnologia all’interno della professione permette di produrre un volume consistente di contenuti in tempi brevi. L’esecuzione richiede solo poche ore anziché intere giornate di lavoro. Anche la scrittura e la registrazione del podcast sono avvenute in poche ore, senza necessità di attrezzature o spazi specifici. In questo modo l’attenzione del designer si dedica maggiormente alla ricerca e concettualizzazione. Il progetto trova risposta alle domande di ricerca, verificando le ipotesi poste. Ulteriori indagini potrebbero concentrarsi su software generativi differenti e maggiore approfondimento del mezzo della generazione video. Abstract ENG This thesis project aims to investigate the limits and potential of new technologies by exploring the results of professional collaboration between designers and generative artificial intelligence. The central focus revolves around the extent to which AI can replicate human-like content, emulating human identity and supporting the profession of the designer. To what extent can AI compete with reality by coming to resemble humans? How can human identity be emulated by AI? How can AI support the designer profession? What is the level of autonomy of the machine, what aspects make it recognisable and how can the designer challenge these limits? With these intentions, the project deals with the generation of images, text and audio by creating the social profiles of a non-existent designer, with the aim of creating quality and credible content. The character’s existence is also brought into the physical world through the design and realisation of a catalogue that collects and presents the designer’s works. At the same time, the limits of the project are documented in a magazine, which catalogues the images discarded during the materialisation phase, highlighting errors in the prompt. The project is primarily aimed at an audience of professionals from the creative field, experimenting and showing the advantages that a conscious use, even of the limits, can bring to the profession. The research comprises several stages, including the generation of the image and the evaluation of its divergence from reality. The audio aspect achieves a remarkable realism, conveying variations in tone, laughter, sighs and emotional vocal nuances. The implementation of technology within the profession allows for the production of a substantial volume of content in a short period of time. Execution takes only a few hours instead of entire days. Even the writing and recording of the podcast took only a few hours, without the need for special equipment or space. In this way, the designer’s attention is devoted more to research and conceptualisation. The project finds answers to the research questions, verifying the hypotheses posed. Further investigation could focus on different generative software and more in-depth study of the medium of video generation.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: Comunicazione Visiva
Supervisors: Cerea, Sabrina
Subjects: Design
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Bachelor in Comunicazione visiva
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4867

Actions (login required)

View Item View Item