Disarmonia tipografica Contesti più o meno funzionali di un carattere tipografico

Della Bosca, Arianna (2023) Disarmonia tipografica Contesti più o meno funzionali di un carattere tipografico. Bachelor thesis, Scuola universitaria della Svizzera italiana.

[img] Text
DellaBosca_Arianna_Dossier_PagineDoppie.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (21MB)
[img] Text
DellaBosca_Arianna_Progetto.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (6MB)
[img] Image
03.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (4MB)

Abstract

I caratteri tipografici da sempre costituiscono l’essenza del design grafico e della comunicazione visiva. Ogni carattere racchiude una personalità unica con uno stile distintivo. La loro forma e il loro stile influenzano come interpretiamo e percepiamo i messaggi che portano. In un mondo in cui la tipografia ci circonda e ne siamo immersi, la sfida sta nell’abilità di riconoscere l’utilizzo appropriato di un carattere tipografico in specifici contesti di comunicazione. Il mio artefatto mira a sensibilizzare gli utenti proponendo un’esperienza disorientante attraverso l’utilizzo esclusivo dei caratteri tipografici. Attraverso una dis-armoniosa mescolanza di contenuti editoriali, “MIXTYPE” sfida la norma e crea un’atmosfera di curiosità, incoraggiando gli osservatori stessi a rispondere alla domanda: quando un carattere tipografico è funzionale o inefficace in un determinato contesto? Nella fase di ricerca ho potuto approfondire le origini dei caratteri tipografici e la loro evoluzione nel tempo fino ad arrivare alla classificazione ispirata da Aldo Novarese del 1957, basata sui diversi stili. Successivamente ho analizzato il caso singolare del “Comic Sans”, per capire meglio quali possono essere le cause scatenanti di un utilizzo inappropriato rispetto alla funzionalità originaria. Grazie ad un’approfondita ricerca dei casi studio ho capito che il mio artefatto sarebbe stato un prodotto editoriale che però voleva allontanarsi dai manuali di tipografia e proporre il tema dei caratteri tipografici in una chiave diversa, originale. La fase di progettazione ha dato vita a “MIXTYPE”, uno strumento visivo che raccoglie una collezione eclettica di contenuti editoriali, provenienti da contesti comuni, a cui è stato modificato il carattere tipografico, andando quindi a decontestualizzarli dalla loro cornice originale. “MIXTYPE” è un progetto fluido che si pone come obbiettivo futuro la possibilità di rendere ogni copia unica e singolare attraverso sequenze di contenuti sempre diverse. In conclusione il mio progetto mira a far riflettere le persone sulla percezione e l’interpretazione dei messaggi attraverso l’utilizzo dei caratteri tipografici. Abstract ENG Typefaces have always been the essence of graphic design and visual communication. Each typeface encapsulates a unique personality with a distinctive style. Their shape and style influence how we interpret and perceive the messages they carry. In a world in which typography surrounds us and we are immersed in it, the challenge lies in the ability to recognise the appropriate use of a typeface in specific communication contexts. My artefact aims to raise awareness by proposing a disorienting experience through the exclusive use of typefaces. Through a dis-harmonious mixing of editorial content, ‘MIXTYPE’ challenges the norm and creates an atmosphere of curiosity, encouraging observers themselves to answer the question: when is a typeface functional or ineffective in a given context? During the research phase, I was able to delve into the origins of typefaces and their evolution over time up to the classification inspired by Aldo Novarese in 1957, based on the different styles. I then analysed the singular case of ‘Comic Sans’, in order to better understand what could be the triggers for inappropriate use in relation to the original functionality. Thanks to an in-depth research of the case studies, I realised that my artefact would be an editorial product that wanted to move away from typography manuals and propose the theme of typefaces in a different, original key. The design phase gave rise to ‘MIXTYPE’, a visual tool that brings together an eclectic collection of editorial content from common contexts, whose typeface has been changed, thus decontextualising them from their original frame. ‘MIXTYPE’ is a fluid project whose future goal is to make each copy unique and singular through ever-changing sequences of content. In conclusion, my project aims to make people think about the perception and interpretation of messages through the use of typefaces.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: Comunicazione Visiva
Supervisors: Bocci, Andrea
Subjects: Design
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Bachelor in Comunicazione visiva
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4863

Actions (login required)

View Item View Item