Agenda 2024 / DODO Fanart come educazione,
diario scolastico come comunicazione

Brugnoli, Noa (2023) Agenda 2024 / DODO Fanart come educazione,
diario scolastico come comunicazione. Bachelor thesis, Scuola universitaria della Svizzera italiana.

[img] Text
BRugnoli_Noa_Dossier_pagine.affiancate.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (28MB)
[img] Text
DODO_2024-2025.copertina.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (0B)
[img] Text
DODO_2024-2025.pagine_anteprima.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (0B)
[img] Image
4.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Share Alike.

Download (0B)

Abstract

L’agenda è una celata insegnante e un’alleata delle studentesse e degli studenti. È anche un oggetto che custodisce le loro necessità scolastiche e i loro pensieri; al tempo stesso rappresenta un veicolo educativo leggero che stimola la loro curiosità. Un oggetto interattivo, da riempire con la propria immaginazione e che offre l’occasione di incollare o strappare pezzi della propria avventura personale e scolastica. DODO nasce dalla volontà di raccontare il fenomeno della Fanart, opere scritte, illustrate, cucite, costruite, da Fans, basandosi su ciò di cui sono Fan. Attraverso una ricerca su questo specifico fenomeno nel passato e nel presente ho potuto approfondirne dinamiche, rischi e punti di forza. Trovando in quest'arte ispirata, una natura educativa per gli adolescenti. L’oggetto agenda si è sviluppato dando seguito al suo scopo primario di contenitore-comunicatore, cercando di studiare gli spazi e le funzionalità più adatte, adottando un design minimale (individuato anche in progetti proposti da designer del giorno d’oggi), privilegiando soluzioni giocose e accattivanti che ritroviamo, però, anche nelle versioni più commerciali. Grazie alla versatilità dell’impaginato, DODO può accogliere ogni anno tematiche nuove e dalle potenzialità inaspettate, invitando i ragazzi a fare, fare, accompagnati da una simpatica mascotte. Oppure può trasformarsi in altri supporti comunicativi che hanno punti in comune con l’agenda, come calendari, block notes e quaderni. Abstract ENG The diary is a concealed teacher and an ally of students. It is also an object that guards their scholastic needs and thoughts; at the same time, it is a light educational vehicle that stimulates their curiosity. An interactive object, to be filled with one's imagination and that offers the opportunity to paste or tear off pieces of one's personal and scholastic adventure. DODO was born from the desire to tell the story of the Fanart phenomenon, works written, illustrated, stitched, and constructed, by Fans, based on what they are Fans of. Through researching this specific phenomenon in the past and present, I was able to delve into its dynamics, risks, and strengths. Finding in this inspired art, an educational nature for teenagers. The diary object has developed by following up on its primary purpose as a container communicator, trying to study the most suitable spaces and functionalities, adopting a minimal design (also identified in projects proposed by designers of the present day), favoring playful and appealing solutions that we find, however, also in the more commercial versions. Thanks to the versatility of the layout, DODO can accommodate new themes with unexpected potential each year, inviting kids to do, and do, accompanied by a cute mascot. Or it can transform into other communicative media that have points in common with the diary, such as calendars, notepads, and notebooks.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Supervisors: Gredler, Alexandra
Subjects: Design
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Bachelor in Comunicazione visiva
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4862

Actions (login required)

View Item View Item