Disordini del cammino nel Morbo di Parkinson e correlazioni con il freezing; revisione narrativa della letteratura

Mauri, Luca (2022) Disordini del cammino nel Morbo di Parkinson e correlazioni con il freezing; revisione narrativa della letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Mauri_Luca.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (780kB)

Abstract

Background Il Morbo di Parkinson è una patologia neurodegenerativa progressiva cronica che concerne principalmente la perdita di neuroni dopaminergici nella pars compacta della sostanza nera con accumulo della proteina alfa sinucleina e formazione di corpi di Lewy. Questa patologia porta tipicamente all’insorgenza di sintomatologia motoria come il tremore, la bradicinesia, la rigidità, alterazioni posturali e freezing; tuttavia, i sistemi coinvolti sono anche a livello cognitivo e limbico, potendo pertanto comprendere alcune disfunzioni a livello autonomico, fatigue, alterazioni sensoriali, cambiamenti comportamentali e disturbi del sonno. Metodologia Nello svolgere questo lavoro di tesi mi sono avvalso delle banche dati di PubMed, CINAHL EBSCO e PEDro, dove grazie alla domanda di ricerca formulata ho potuto formare delle stringhe di ricerca e dei criteri sia di inclusione che di esclusione che mi hanno portato all’ottenimento di 8 studi presi in considerazione per questo lavoro. Obiettivo L’obiettivo di questo lavoro di Bachelor è quello di meglio comprendere ed indagare la fisiopatologia del freezing correlato ai disturbi della marcia in pazienti affetti da PD e di approfondire il più possibile il ruolo dei circuiti cerebrali coinvolti e cosa comporta la riduzione delle loro funzioni rispetto all’insorgenza del freezing. Questo lavoro ha inoltre l’intento di portare la conoscenza maggiormente aggiornata riguardo al Morbo di Parkinson. Risultati Il confronto tra gli studi selezionati ha permesso di comprendere in modo parziale la grande complessità che intercorre tra le alterazioni di connettività funzionale cerebrale e lo scaturire del sintomo FOG, dove le principali alterazioni di attivazione e di connettività funzionale sono state rilevate in differenti sedi cerebrali, tra cui: i circuiti frontali e fronto-striatali, in quelli parieto-occipitali, nei NdB, nel talamo, nel TE, nel cervelletto e nel sistema limbico. Conclusioni A differenza di quanto esposto in studi precedenti, l’insorgenza del freezing può essere influenzata da più sistemi, tra cui quello limbico, quello motorio e quello cognitivo, ma il preciso meccanismo rimane ancora sconosciuto, lasciando aperte diverse teorie e studi continui che cercano di spiegarne il funzionamento.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4474

Actions (login required)

View Item View Item