Il Blood Flow Restriction Training è una terapia efficace nella riabilitazione del legamento crociato anteriore dopo le prime 18 settimane dalla chirurgia? una revisione della letteratura

Beretta, Andrea (2022) Il Blood Flow Restriction Training è una terapia efficace nella riabilitazione del legamento crociato anteriore dopo le prime 18 settimane dalla chirurgia? una revisione della letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Beretta_Andrea.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Study design: revisione narrativa della letteratura Background: a seguito dell’operazione di ricostruzione del legamento crociato anteriore (LCA), riscontrare deficit della forza e del trofismo muscolare è molto comune. Durante la prima fase della riabilitazione, l’allenamento con sovraccarichi ad alta intensità [>60% dell’1 Repetition Maximum (1RM)] potrebbe non essere tollerato a causa dell’elevata tensione meccanica e/o l’elevata percezione di dolore. Pertanto, utilizzare il Blood Flow Restriction (BFR) Training potrebbe essere una valida alternativa. L’allenamento con BFR è un metodo di esercizio in cui viene occluso il flusso sanguigno con l’aiuto di un laccio emostatico, provocando ipossia ai tessuti e un aumento dello stress metabolico. Lo scopo principale di questo allenamento è simulare un esercizio ad alta intensità, mentre si esegue un esercizio a bassa intensità (<50% dell’1RM), ottenendo tutti i benefici a livello muscolare. Obiettivi: analizzare l’efficacia dell’allenamento BFR nella riabilitazione delle prime 18 settimane dopo l’intervento di ricostruzione dell’LCA, rispetto gli interventi convenzionali. Gli outcome presi in considerazione sono: forza muscolare, ipertrofia muscolare e dolore percepito. Metodologia: questa revisione narrativa della letteratura ha seguito le raccomandazioni nella dichiarazione PRISMA. Per la ricerca sono state utilizzate le banche dati: PubMed, Cochrane Library, in cui sono state utilizzate molteplici parole chiavi per formare la stringa di ricerca. La domanda di ricerca di questa revisione si è basata sul modello PICO. Tramite una prima lettura degli articoli full text sono stati presi in considerazione e inclusi un totale di sei articoli, successivamente valutati tramite la scala PEDro. Risultati: l’allenamento con BFR a bassa intensità, rispetto ad un allenamento senza BFR alla stessa intensità, offre risultati migliori sia nell’incremento della forza muscolare sia dell’ipertrofia. Invece, rispetto ad un allenamento ad alta intensità, i risultati sembrano essere simili, seppur leggermente inferiori nella forza muscolare, ma con il vantaggio di provocare meno dolore articolare al ginocchio, sia durante l’esercizio che nelle 24 ore dopo la sessione. Uno degli studi inclusi ha inoltre analizzato il BFR ad alta intensità, che sembra però non portare a nessun beneficio ulteriore. Conclusioni: nella riabilitazione precoce post ricostruzione dell’LCA, l’allenamento con BFR a bassa intensità sembra essere una valida alternativa agli interventi convenzionali.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4455

Actions (login required)

View Item View Item