Interventi non-farmacologici per la prevenzione e la gestione delle condotte aggressive all’interno dei contesti di cura ospedaliera: An Umbrella Review

Veggian, Lucia (2022) Interventi non-farmacologici per la prevenzione e la gestione delle condotte aggressive all’interno dei contesti di cura ospedaliera: An Umbrella Review. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Veggian-Lucia.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (590kB)

Abstract

Background La problematica dell’aggressività e della violenza perpetuata dai pazienti e dai visitatori nei confronti del personale curante è una questione sempre più trattata a causa degli elevati tassi di incidenza. Rispetto a tutte le professioni, quella infermieristica risulta essere la più esposta all’aggressività e alla violenza sul posto di lavoro. In uno studio condotto negli ospedali svizzeri è emerso che il 92% degli operatori sanitari ha subito violenza durante la sua carriera lavorativa. Le conseguenze non si limitano unicamente ai danni fisici e psicologici della vittima; a livello istituzionale comporta un aumento dei tassi di assenteismo e del turn-over del personale. Anche i costi legati alle aggressioni vanno a incidere sulle istituzioni in maniera significativa. Obiettivo Questo lavoro di Bachelor ha l’obiettivo di identificare quali siano gli interventi non farmacologici più efficaci nella prevenzione e nella gestione delle condotte aggressive e della violenza all’interno dei contesti di cura ospedalieri. Metodo Si è scelto di prendere come modello per la ricerca l’Umbrella Review del Joanna Briggs Institute, che indaga l’efficacia degli interventi attraverso una revisione delle revisioni. Sono stati ricercati articoli sulle principali banche dati, tra le quali la Cochrane Library, PubMed e Cinhal. Gli articoli selezionati per la ricerca sono stati quattro. Risultati Dalla ricerca è emerso che l’unico intervento ritenuto statisticamente efficace è costituito da un approccio multidimensionale alla problematica; questo intervento comprende adattamenti ambientali, adattamenti amministrativi e l’educazione al personale. Conclusioni Non vi è stata una sufficiente evidenza per effettuare raccomandazioni specifiche per la pratica clinica. Affinché avvengano dei cambiamenti che rendano migliori le condizioni di lavoro per gli infermieri è necessario uno sforzo comune da parte della politica, delle istituzioni e dei lavoratori stessi. Risultano inoltre essere necessari ulteriori studi per indagare la tematica. Keywords Workplace violence, aggressive behavior management, aggression, nurses, acute setting, hospital, intervention, strategies

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Bachelor in Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4416

Actions (login required)

View Item View Item