Normale Grotesk La rinascita di una font storica

Schneeberger, Roberto (2019) Normale Grotesk La rinascita di una font storica. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Schneeberger_Dossier.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (80MB)
[img] Image
Progetto/01.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (6MB)
[img] Image
Progetto/02.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (9MB)
[img] Image
Progetto/03.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (12MB)
[img] Image
Progetto/04.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (6MB)
[img] Image
Progetto/05.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (12MB)
[img] Image
Progetto/06.jpg
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (8MB)

Abstract

Nel 1943, la fonderia basilese Haas’sche Schriftgiesserei presentò un sobrio carattere tipografico lineare chiamato Normal Grotesk, una rielaborazione di una delle prime font più diffuse dell’epoca, l’Akzidenz-Grotesk. Questo type nonostante sia stato un carattere molto importante per l’evoluzione tipografica, con l’arrivo dell’Helvetica è andato perso. Il progetto di tesi ha come tematica il type design con particolare attenzione ai caratteri tipografici appartenenti alla famiglia dei Grotesk. L’obiettivo è quello di riportare a nuova vita una font andata in disuso, che ha fatto la storia dello stile neo-grotesk. Per poter rendere adatta alle esigenze della tipografia odierna, una font, non basta una semplice digitalizzazione ma bisogna dargli un senso. La cosa più affascinante dei revival, è quando le persone si interessano a una circostanza. Quando non lo fanno per avere un carattere sans serif e basta, ma quando dietro alle aste lineari c’è una ricerca storica, o un contesto geografico preciso. Il contesto, è senz’altro la cosa che rende contemporanea la mia font.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Supervisors: Pellegrini, Luca and Bocci, Andrea
Subjects: Design
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Comunicazione visiva
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/4195

Actions (login required)

View Item View Item