L’utilizzo del visual feedback come trattamento del dolore da arto fantasma nei pazienti con amputazione maggiore dell’arto: una revisione narrativa della letteratura

Amasi, Manuel and Franzini, Mirko (2021) L’utilizzo del visual feedback come trattamento del dolore da arto fantasma nei pazienti con amputazione maggiore dell’arto: una revisione narrativa della letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Amasi Manuel.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background La presa a carico del paziente amputato affetto da dolore da arto fantasma è un tema fortemente attuale nel mondo della riabilitazione fisioterapica, sia per complessità clinica che per numero di casi, ed è sempre più oggetto di studio tra i ricercatori. Il dolore da arto fantasma influenza in maniera rilevante la qualità di vita di tali pazienti, e si definisce come una spiacevole sensazione dolorosa esperita nell’arto mancante per molteplici cause. Tale problematica rientra nei disordini dello schema corporeo, in quanto comporta una modifica della rappresentazione delle parti del corpo nello spazio e un alterato aggiornamento sensoriale durante il movimento. Proprio per queste ragioni negli ultimi anni sono state effettuate diverse ricerche rispetto al trattamento del dolore da arto fantasma. In particolare, è emersa la possibilità di trattare tale sintomatologia attraverso il visual feedback, nello specifico mediante la Mirror Therapy o la Virtual Reality. Infatti, il visual feedback permette di eliminare la discrepanza tra comando motorio e l’atteso input visivo, la quale sembra essere all’origine del dolore da arto fantasma. Obiettivi L’obiettivo primario di questo lavoro di bachelor è quello di stabilire quale trattamento, tra Mirror Therapy e Virtual Reality, sia più efficace nella riduzione del dolore da arto fantasma nei pazienti con amputazione maggiore degli arti. Inoltre, tale elaborato ha lo scopo di fornire alcuni strumenti clinici per l’applicazione di tali terapie. Metodologia Come metodologia di lavoro si è scelto di utilizzare la revisione narrativa della letteratura. Nonostante ciò, per motivi procedurali, si è usufruito anche di metodi tipici della revisione sistematica della letteratura. La ricerca degli articoli è avvenuta tra gennaio e febbraio 2021 tramite PubMed, CINAHL (EBSCO) e PEDro. Le stringhe di ricerca utilizzate nascono dalla combinazione, tramite l’operatore booleano AND, delle successive parole chiavi: “phantom limb pain”, “mirror therapy” e “virtual reality”. Risultati In seguito all’inserimento delle stringhe di ricerca e delle parole chiave nelle banche dati, e all’applicazione dei criteri d’inclusione ed esclusione definiti, sono stati ritenuti idonei 9 articoli da PubMed, 0 da CINAHL (EBSCO) e 0 da Pedro. Tutti gli articoli selezionati per questo lavoro di tesi hanno mostrato un’efficacia significativa nella riduzione del dolore da arto fantasma attraverso la somministrazione di un trattamento con visual feedback, rafforzando l’importanza del suo potenziale nell’ambito della riabilitazione del paziente amputato, e mostrando tuttavia, la necessità di ulteriori ricerche che permettano lo sviluppo di un protocollo di applicazione standardizzato e che ne mettano in risalto gli effetti a lungo termine. I risultati raccolti hanno evidenziato miglioramenti anche per l’influenza del dolore nella qualità di vita del paziente, nel suo status psicologico e nella durata e frequenza degli episodi di dolore. Conclusioni Alla luce di quanto emerso nei risultati, non è possibile determinare con assoluta certezza quale trattamento presenti maggiore efficacia. La Mirror Therapy e la Virtual Reality rappresentano entrambe due tecniche di trattamento valide per la gestione del dolore da arto fantasma. Mentre la Mirror Therapy richiede materiale semplice ad un costo ridotto, permette facilmente l’auto-trattamento a domicilio e offre un elevato realismo visivo; la Virtual Reality introduce la possibilità di proporre movimenti complessi, elementi di gioco e permette il trattamento degli amputati bilaterali.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3827

Actions (login required)

View Item View Item