La comprensione della figura dell’ergoterapista per una famiglia orientale immigrata in Ticino con un figlio con disturbo dello spettro dell’autismo

Frondoni, Laura (2021) La comprensione della figura dell’ergoterapista per una famiglia orientale immigrata in Ticino con un figlio con disturbo dello spettro dell’autismo. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Frondoni Laura.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (854kB)

Abstract

Background: Le famiglie immigrate spesso si trovano a doversi adattare a nuovi ambienti, nuove occupazioni e ad una nuova cultura. La comprensione del Disturbo dello Spettro Autistico (ASD) è legata alla cultura che influenza l’interpretazione dei sintomi, le credenze riguardo le cause dell’ASD, le interazioni con il sistema sanitario, l’accettazione di una diagnosi di ASD e l’accettazione di un trattamento. L’Ergoterapia, come professione sociosanitaria è culturalmente sensibile, ma dal momento che è stata sviluppata nei Paesi occidentali riflette una prospettiva occidentale per quanto riguarda la filosofia di vita, l’occupazione, la salute, la malattia e il benessere. Per questi motivi le famiglie immigrate, in modo particolare quelle di provenienza orientale, possono presentare delle difficoltà a comprendere la figura dell’ergoterapista. Obiettivi: Lo scopo di questo Lavoro di Tesi è di conoscere che cosa abbia permesso ad una famiglia immigrata in Ticino dall’oriente con un figlio con l’ASD di comprendere la figura dell’ergoterapista. Metodologia: La metodologia utilizzata è di tipo qualitativo e lo strumento di raccolta dati è l’intervista qualitativa di tipo semi-strutturato. L’intervista è stata svolta con una mamma immigrata proveniente dalla Cina che ha avuto un figlio con ASD. L’intervista svolta è stata analizzata secondo una metodologia induttiva: raggruppando i dati secondo tematiche, in modo tale da individuare gli argomenti importanti relativi alla comprensione della figura dell’ergoterapista per una famiglia immigrata con un figlio con ASD. Risultati: La madre cinese inizialmente non comprendeva la figura dell’ergoterapista. Ha avuto difficoltà a comprendere la parola stessa “ergoterapia”. Le spiegazioni fornite dall’ergoterapista, l’alleanza terapeutica creatasi e la partecipazione del genitore ad alcune sedute di Ergoterapia sono stati degli elementi che hanno permesso alla donna proveniente da Shanghai di comprendere la figura dell’ergoterapista; è stato più chiaro il suo ruolo e ne ha riconosciuto l’importanza. Tuttavia, la comprensione della donna cinese riguardo l’Ergoterapia a livello professionale appare ancora oggi parziale. Conclusioni: Gli ergoterapisti sono chiamati ad agire con sensibilità culturale cercando la creazione dell’alleanza terapeutica con il paziente e la sua famiglia in modo tale da permettere uno scambio di informazioni e di conoscenze che possono portare ad una maggiore comprensione della realtà del paziente, della sua cultura e della sua condizione. Questi elementi sono utili per la famiglia immigrata per poter comprendere pienamente la figura dell’ergoterapista. Parole chiave: Occupational therapy, autism spectrum disorder, culture, culturally sensitive care, interculturality, immigration, immigrant family, family centred approach

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Ergoterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3817

Actions (login required)

View Item View Item