Quale apporto professionale potrebbe fornire l’ergoterapia all’interno del setting carcerario? Ricerca qualitativa

Codoni, Corinne and Henriques Moreira, Elisa (2021) Quale apporto professionale potrebbe fornire l’ergoterapia all’interno del setting carcerario? Ricerca qualitativa. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Codoni Corinne.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Introduzione / Background Secondo le evidenze riportate all’interno di questo lavoro di tesi l’ergoterapista ha le conoscenze e le capacità di lavorare all’interno del setting carcerario, in quanto aiuta i detenuti a creare una routine all’interno del carcere per prevenire la deprivazione occupazionale e sostenere la persona nella preparazione alla reintegrazione nella comunità. L’ergoterapista si impegna a trovare assieme al detenuto un’occupazione significativa da svolgere all’interno del carcere da poter continuare all’esterno, per evitare, una volta scontata la pena, il rischio di recidiva. Inoltre, supporta il detenuto durante la transizione dal carcere alla comunità, in maniera tale che la persona possa avere un riferimento all’esterno del carcere e ridurre il rischio di recidiva. Metodologia Il seguente lavoro è stato svolto attraverso una ricerca qualitativa. È basato su due modelli ergoterapici principali; Person Environment Occupation e Model Of Human Occupation. Grazie alle interviste svolte a sette ergoterapiste di diverse nazioni è stato possibile conoscere il ruolo dell’ergoterapista all’interno delle carceri in diverse parti del mondo. Per poter analizzare tutte le interviste è stata svolta un’analisi tematica. A partire da essa sono emersi cinque ambiti principali in merito alle domande di ricerca poste alle ergoterapiste. Le tematiche affrontate riguardano la motivazione, il setting penitenziario, le caratteristiche dell’utenza, il processo ergoterapico e il potenziale ergoterapico. Risultati I dati relativi alle interviste suggeriscono che il ruolo dell’ergoterapista in carcere può variare molto nelle diverse nazioni. Tutte le intervistate concordano che tale ruolo all’interno delle carceri possa avere un influsso positivo nella riduzione del rischio di recidiva, con la premessa che alla persona detenuta venga garantita una continuazione della presa in carico ergoterapica anche all’esterno del carcere. Inoltre, dei risultati riportano come la professione dell’ergoterapista sia utile per supportare la persona detenuta nella creazione di una struttura giornaliera, con il fine di aiutarli nella creazione di un progetto di vita esterno al carcere e ridurre il rischio di deprivazione occupazionale. Discussione/ conclusione L’ergoterapista all’interno del carcere ha diverse competenze e compiti, come ad esempio quello dell’osservazione ambientale, della creazione di una routine per il detenuto e la prevenzione della deprivazione occupazionale. Esso ha la capacità specifica di valutare in maniera olistica le persone detenute e aiutarle a sviluppare delle abilità per mantenere ruoli produttivi e significativi nella società. L’ergoterapista in alcune situazioni ha difficoltà nel far comprendere il suo ruolo e il suo potenziale, soprattutto alle colleghe e ai colleghi. Frequentemente emergono i limiti imposti dalla comunità, la quale non comprende il motivo di riabilitare un detenuto, avendo una visione del carcere come luogo di punizione e non un posto abilitato alla riabilitazione. Dalle evidenze scientifiche e dalle interviste svolte emergono i primi spunti in merito a come l’intervento dell’ergoterapista all’interno del carcere possa influenzare positivamente il rischio di recidiva. Viene specificato che per osservare una diminuzione importante di tale rischio è necessario anche un accompagnamento ergoterapico all’esterno del carcere. Key Words Occupational therapy, prison, jail, occupational deprivation, recidivism, risk of recidivism, quality of life, employment justice, rehabilitation

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Ergoterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3815

Actions (login required)

View Item View Item