Il paziente portatore di stomia: L’importanza di una buona educazione terapeutica nella cura domiciliare. Revisione della letteratura

Pafumi, Marco (2021) Il paziente portatore di stomia: L’importanza di una buona educazione terapeutica nella cura domiciliare. Revisione della letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Pafumi Marco.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (4MB)

Abstract

Background La stomia è un presidio medico di competenza infermieristica nella sua gestione, il quale incontriamo sempre di più nella nostra vita quotidiana di professionisti. La durata del ricovero nel post-operatorio nei pazienti con stomia è di circa 5 giorni, la persona e i suoi famigliari dispongono di un tempo limitato per padroneggiare l’autocura prima della dimissione. I primi giorni a domicilio il paziente e la sua famiglia si ritroveranno confrontati con interrogativi, dubbi, perplessità, poiché i tempi brevi del post-operatorio e dell’educazione terapeutica non sono sufficienti per abituarsi alla gestione del nuovo dispositivo. Il ruolo dell’infermiere domiciliare quindi diventa cruciale per colmare le lacune educative e dare sicurezza ai pazienti per affrontare la loro nuova vita con la stomia. Scopo e obiettivi Lo scopo della tesi è quello di rispondere alla seguente domanda di ricerca: “Quali sono i bisogni educativi, i metodi e gli strumenti per un autocura di qualità nel paziente con stomia a domicilio?” Nel mio lavoro di tesi gli obiettivi sono di identificare i bisogni formativi dell’infermiere a domicilio nei confronti dei pazienti portatori di stomia, inoltre comprendere i bisogni educativi essenziali per queste persone, oltre ad identificare i metodi e gli strumenti utili nella gestione dell’autocura. Metodologia La revisione sistematica della letteratura sarà alla base del mio lavoro di tesi per la certificazione del bachelor del corso di laure di cure infermieristiche. Le banche date usate per l’elaborazione della tesi nella ricerca di articoli utili fanno parte del seguente elenco: CINHAL (EBSCO), Cochrane, Medline, Pubmed, Ovid e Science Direct (Elsevier). Per redigere questa revisione della letteratura al termine della mia ricerca ho selezionato 7 articoli più idonei. Risultati Dai 7 articoli revisionati emerge i tempi brevi di ospedalizzazione dei pazienti con stomia e di conseguenza un’educazione terapeutica ridotta e veloce. I pazienti e i loro famigliari nei primi giorni al rientro al domicilio si ritrovano spesso pieni di dubbi e paure per affrontare la nuova situazione di vita. Quindi l’importanza di una buona educazione terapeutica a domicilio per ridurre lo stess iniziale e le complicazioni, inoltre l’mportanza di essere seguiti da infermieri esperti nella cura della stomia. Conclusioni I problemi causati nel confezionamento della stomia e i tempi brevi di degenza ospedaliera portano i pazienti sentimenti negativi all’inizio del loro percorso di cura. Quindi bisognerebbe formare maggiormente nell’ambito di cura domiciliare gli infermieri riguardo le conoscenze della stomia con corsi di approfondimento, perché i pazienti ne avranno solo un maggior beneficio nell’educazione terapeutica una volta ritornati nelle proprie abitazioni. Parole chiavi Surgical stomas, education, therapeutic education, home care services, ostomy, patient education, nurses, stoma care, self care, health education e quality of life

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3796

Actions (login required)

View Item View Item