Relazione tra infermiere non specializzato in salute mentale e paziente affetto da una tossicodipendenza. Quali sono gli elementi di difficoltà e di complessità riscontrati e percepiti dagli infermieri

Margiotta, Rachele (2021) Relazione tra infermiere non specializzato in salute mentale e paziente affetto da una tossicodipendenza. Quali sono gli elementi di difficoltà e di complessità riscontrati e percepiti dagli infermieri. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
MArgiotta Rachele.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

BACKGROUND I professionisti che lavorano a contatto con persone tossicodipendenti possono avere la sensazione di “non sapere cosa pensare, cosa dire, cosa fare”; vissuti che possono causare frustrazione e senso di impotenza (Bonetti, 2005). A seguito di queste sensazioni spesso provate dagli infermieri, è rilevante considerare l’aumento significativo della prospettiva di vita delle persone tossicodipendenti rispetto al passato; i curanti saranno quindi confrontati con l’incremento di pazienti tossicodipendenti anche in contesti di cura non specializzati (Caiata Zufferey et al., 2021). Tale lavoro è stato sviluppato a seguito della necessità di comprendere in che modo gli infermieri non specializzati percepiscono e gestiscono tale relazione e quali strategie mettono in atto per affrontare le eventuali difficoltà e l’eventuale stress percepito. OBIETTIVI Tale lavoro ha come obiettivo principale quello di indagare la relazione fra infermiere e paziente tossicodipendente, per identificarne gli elementi di difficoltà e di stress; cercando di comprendere il metodo di approccio relazionale adottato dagli infermieri. METODO Per la stesura del Lavoro è stato scelto di fare riferimento alla metodologia qualitativa, tramite l’effettuazione di interviste semi strutturate a professionisti che lavorano in Pronto Soccorso da più di sei mesi. Le interviste sono state strutturate considerando tali aree tematiche: difficoltà nella relazione tra infermiere e paziente tossicodipendente, rappresentazioni rispetto a questa tipologia di paziente e del lavoro di infermiere / a, stress correlato alla relazione tra infermiere e paziente tossicodipendente, strategie nella gestione dello stress e nella gestione delle difficoltà in questa specifica relazione. RISULTATI Dalle cinque interviste effettuate sono emersi principalmente fattori inerenti al paziente, all’attitudine dell’infermiere e al contesto, percepiti come elementi determinanti una maggiore difficoltà nella gestione del paziente tossicodipendente in Pronto Soccorso. Sono emerse inoltre strategie e metodi attualmente non presenti nel Pronto Soccorso in questione che secondo gli infermieri potrebbero facilitare la gestione delle difficoltà in relazione all’utenza e alla gestione dello stress. CONCLUSIONE Gli infermieri di Pronto Soccorso affermano la presenza di una forte difficoltà nella relazione con l’utenza tossicodipendente, la sensazione di un uso dispendioso di energie e tempo che non è però percepito come efficace e sentimenti di impotenza e frustrazione. Raccontano inoltre di non sentirsi le figure professionali adatte per gestire determinate questioni legate alla dipendenza, parallele al problema acuto. Ritengono il contesto di Pronto Soccorso limitante e inadatto per la creazione di una relazione efficace. Sono stati tutti concordanti sul fatto che la tipologia di atteggiamento del curante sia un elemento determinante nella comunicazione e nella relazione durante la degenza. PAROLE CHIAVE Drug addiction, addiction, drug abuse, difficulty, relationship difficulty, stress, nurse, therapeutic relationship, stereotypes

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3790

Actions (login required)

View Item View Item