Contenere la contenzione. Una revisione della letteratura sul contenimento emotivo vs. il contenimento fisico

Tron, Patrik (2020) Contenere la contenzione. Una revisione della letteratura sul contenimento emotivo vs. il contenimento fisico. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Tron Patrick.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (688kB)

Abstract

Background Il tema che ho deciso di affrontare è l’utilizzo del contenimento emotivo, per la gestione di pazienti schizofrenici, come eventuale alternativa alla contenzione meccanica o fisica. L’esperienza personale in psichiatria mi ha portato a porre l’accento su questo tema. Un tema a me tanto caro, quanto fonte di interrogativi. Per anni ho visto persone malate di schizofrenia contenute meccanicamente e fisicamente, come se questa potesse essere l’unica soluzione del problema, dell’aggressività e dell’angoscia che sta vivendo il paziente. Nel 2017, arrivato in Ticino, vengo a sapere che a Mendrisio, all’Organizzazione Sociopsichiatrica Cantonale, non vengono più utilizzate contenzioni dal 2013. Ed è lì che iniziai a farmi le prime domande sul tema: “Quindi si può davvero lavorare diversamente?” Attraverso una revisione della letteratura ho dato forma ad un quadro teorico per avere conoscenze inerenti alla malattia della schizofrenia, individuando le componenti importanti quali alleanza terapeutica, contenzione e contenimento, gestione dell’aggressività e tutto quello che concerne la gestione di una crisi psicotica cercando di evitare, o ridurre l’utilizzo della contenzione. Obiettivi Conoscere il paziente schizofrenico e comprendere il vissuto di una crisi psicotica acuta in cui comportamenti violenti, accompagnati da angoscia e sfiducia, possono essere potenzialmente lesivi per se stesso e per le persone che lo circondano. Analizzare l’efficacia a breve e a lungo termine dell’utilizzo della contenzione e valutarne le alternative come il contenimento emotivo. Conoscere la funzione del contenimento emotivo e capire quali possano essere gli ostacoli per un’assistenza terapeutica senza contenzioni. Metodo Ho svolto una revisione della letteratura per acquisire una base teorica di conoscenze ed approfondire un tema che in parte avevo già conosciuto e vissuto in prima persona. In seguito ho effettuato una ricerca di articoli su banche dati scientifiche per capire meglio il fenomeno della contenzione e della gestione di questi pazienti e per avere quindi dei dati più oggettivi sulla questione. Risultati e conclusioni I risultati confermano innanzitutto l’importanza del fattore relazionale nella presa a carico e della funzione di contenimento emotivo durante un episodio di scompenso da parte di questo tipo di pazienti. Riuscire a stabilire subito un rapporto di fiducia è la base fondante del progetto per la persona malata. Questo potrebbe sicuramente evitare, o per lo meno diminuire, il dover adottare contenzioni durante un episodio di agitazione o di aggressione. Inevitabilmente, nel nostro lavoro, dobbiamo tener conto delle attitudini personali di ognuno di noi che andranno sicuramente ad influenzare sull’esito di un atto di cura.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3479

Actions (login required)

View Item View Item