L’infermiere e i famigliari curanti a domicilio: rilevare i bisogni dei famigliari curanti nell’assistenza di malati in fine vita a domicilio dagli infermieri e individuare interventi infermieristici basati sull’evidenza. Una revisione della letteratura

Castellin Resplandor, Rosmerlin Begonia (2020) L’infermiere e i famigliari curanti a domicilio: rilevare i bisogni dei famigliari curanti nell’assistenza di malati in fine vita a domicilio dagli infermieri e individuare interventi infermieristici basati sull’evidenza. Una revisione della letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Castellin Rosmerlin Begonia.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (888kB)

Abstract

Background: La famiglia spesso viene chiamata a rispondere direttamente ai bisogni del malato terminale. Prendersi cura di un sofferente significa anche prendersi cura delle persone che l’accompagnano e l’assistono. I famigliari curanti assumono diversi ruoli e col passare del tempo questo può diventare un peso insostenibile, influenzando negativamente l’assistenza del paziente. Si stima che circa 40 milioni di persone abbiano bisogno di cure palliative ogni anno; il 78 per cento di loro vive in paesi a basso e medio reddito e solo il 14 per cento di queste persone ricevono assistenza nell’ambito di cure palliative. In Ticino, secondo il rapporto annuale 2018 della Fondazione Hospice, ci sono circa 400 pazienti registrati che beneficiano di cure palliative. La maggior parte degli adulti che ne hanno bisogno soffre di malattie croniche. Obiettivi: Lo scopo di questo lavoro è di individuare tra le evidenze scientifiche quali sono gli interventi più efficaci, che l’infermiere può mettere in atto, per rispondere ai bisogni dei famigliari curanti nell’assistenza di un componente della propria famiglia in fine vita a domicilio. Metodologia di ricerca: Per il raggiungimento degli obiettivi si è scelto di svolgere una revisione della letteratura utilizzando quattro banche dati: PudMed, Cinhal, Medline, Cochrane Library, contenuti pubblicati su siti internet ufficiali del cantone, siti web di diverse associazioni e materiale bibliografico. Sono stati selezionati nove articoli pertinenti secondo i criteri d’inclusione ed esclusione formulati dapprima per individuare i bisogni dei caregiver e in seguito per identificare gli interventi infermieristici. Risultati: Dall’analisi di nove articoli è emerso che tra i bisogni più frequenti dei famigliari curanti vi sono: il bisogno di supporto nella pratica, un bisogno psicologico, sociale, finanziario ed educativo, così come la necessità di un supporto ad affrontare la realtà della morte della persona cara e il conseguente sostegno per il lutto. Per quanto riguarda invece gli interventi più frequenti dei famigliari curanti trova collocazione il supporto negli interventi infermieristici, il supporto tra pari e strategie di coping, interventi psicoeducativi e l’attivazione di strutture respite care. Conclusioni: I famigliari curanti sono una risorsa importante per l’équipe sanitaria durante l’assistenza al loro caro in fine vita al domicilio. Come infermieri è importante fornire un sostegno nell’ affrontare questa esperienza insieme a loro, in modo da poter offrire un supporto concreto ed immediato nel momento più adeguato attraverso il monitoraggio dei loro bisogni. Parole chiave: Caregiver, end of life, needs, support, intervention, nurse.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3438

Actions (login required)

View Item View Item