Le tecnologie digitali e la loro influenza sul sonno adolescenziale

Betschart Cruz, Janice (2020) Le tecnologie digitali e la loro influenza sul sonno adolescenziale. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Betschart Janice.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

BACKGROUND L’utilizzo delle tecnologie digitali è diventato importante nella vita delle persone di tutto il mondo, infatti l’utilizzo di questi dispositivi è in crescita non solo nella vita privata delle persone, ma pure in quella professionale e anche gli adolescenti hanno un’esperienza sempre più diretta con la tecnologia. Gli incredibili progressi della tecnologia hanno fatto si che al giorno d’oggi si sia quotidianamente a contatto con schermi digitali, viene dunque spontaneo chiedersi se quest’uso smisurato della tecnologia possa avere delle conseguenze sulla salute. Il sonno è essenziale per la buona salute fisica e mentale, inoltre disturbi del sonno come la difficoltà ad addormentarsi, frequenti risvegli notturni o svegliarsi la mattina senza sentirsi riposati, sono disturbi molto frequenti tra gli adolescenti di tutto il mondo. Ci potrebbero essere delle correlazioni tra i disturbi del sonno dei ragazzi e l’esposizione prolungata agli schermi digitali. E’ importante che gli infermieri riescano a riconoscere le associazioni tra queste due tematiche in modo da poter attuare programmi di prevenzione ed educare sia adolescenti che genitori a promuovere comportamenti che facilitino il sonno. OBIETTIVI Lo scopo di questo lavoro di revisione della letteratura è quello di capire in quale modo l’esposizione agli schermi elettronici degli adolescenti ha influenza sul sonno. Inoltre si vuole evidenziare come gli infermieri possono avere un ruolo nel prevenire disturbi del sonno negli adolescenti. METODOLOGIA Come metodologia di ricerca, per rispondere al quesito scientifico, è stato scelto di elaborare una revisione della letteratura. Sono state utilizzate quattro banche dati messe a disposizione nella piattaforma SUPSI per trovare gli articoli pertinenti alla ricerca. In seguito alla selezione dei 5 articoli, quest’ultimi sono stati analizzati tramite una scala di valutazione che ne ha definito l’attendibilità a livello scientifico. RISULTATI Gli articoli analizzati hanno riportato che l’utilizzo di qualsiasi dispositivo elettronico per un tempo maggiore alle 2 ore giornaliere è associato ad un tempo di latenza dell’inizio del sonno più lungo. E’ stata anche evidenziata una relazione dose-risposta inversa, ovvero più tempo si passa davanti ad uno schermo digitale e meno saranno le ore di sonno. Inoltre è emersa che l’utilizzo di dispositivi elettronici nelle ore prima di andare a dormire e l’utilizzo della tecnologia in camera da letto, sono comportamenti che portano a disturbi del sonno negli adolescenti. CONCLUSIONI L’esposizione prolungata ai dispositivi elettronici è, per gli adolescenti, un problema importante che contribuisce a ridurre il tempo totale di sonno, con un rapporto dose-risposta significativo, oltre che comprometterne la qualità, portare al tempo di latenza dell’inizio del sonno più lungo e provocando uno spostamento dell’ora di andare a dormire. KEY WORDS: adolescent, electronic device, screen time, sleep disorders

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3431

Actions (login required)

View Item View Item