Il distress morale nella terapia intensiva: sviluppo del concetto e divergenze nella letteratura. A Rodgers’ evolutionary concept analysis

Ambruosi, Antonio and Zamborlin Guedes, Alessandro (2020) Il distress morale nella terapia intensiva: sviluppo del concetto e divergenze nella letteratura. A Rodgers’ evolutionary concept analysis. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Ambruosi Antonio & Zamborlin Guedes Alessandro.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background Il distress morale è un termine coniato nel 1984 da Andrew Jameton per descrivere quel tipo di angoscia che colpisce gli infermieri quando sono impossibilitati di mettere in atto delle condotte ritenute corrette. Tale concetto, nel corso degli anni, ha ricevuto molta attenzione nella letteratura infermieristica internazionale; la definizione del termine ha così subito numerose revisioni. Tuttavia, in letteratura il concetto in questione viene definito in una grande varietà di modi mostrando quindi poca chiarezza concettuale. Questo rappresenta un ostacolo nel capire chiaramente la problematica ed è dunque una difficoltà nello sviluppo di ulteriore letteratura. Obiettivo Gli obiettivi di questa ricerca sono l’identificazione del grado di maturazione del concetto e le principali divergenze tra gli articoli oltre che eseguire lo stato dell’arte sul moral distress. Metodo È stato utilizzato il metodo Rodgers’ evolutionary concept analysis per analizzare il grado di maturazione del distress morale. A tal proposito sono stati ricavati 12 articoli inerenti al moral distress nel contesto della terapia intensiva. Risultati Tra i vari articoli selezionati più della metà hanno utilizzato la definizione di distress morale coniata da Jameton nel 1984. Vengono invece identificate chiaramente le cause (soprattutto estrinseche all’infermiere) e le conseguenze (in particolare burnout, alterazione della qualità di assistenza e della condotta di cura e l’abbandono del lavoro). Per quanto concerne gli attributi unicamente tre articoli li hanno riportati: tra essi non vi è una diretta relazione e nemmeno una divergenza; si rafforza l’idea di considerare il moral distress come un ‘’concetto ombrello’’. Non è stato possibile analizzare i termini surrogati e gli antecedenti a causa dell’assenza di dati ricavati dagli articoli. Conclusioni Il moral distress è riconosciuto come problematica diffusa negli ambienti di cura, tuttavia le caratteristiche di questo concetto non sono ancora del tutto chiare in letteratura. Pertanto, è necessario che le future ricerche si focalizzino sull’individualizzazione dei suoi attributi, al fine di determinare una chiarezza concettuale. Keywords Moral distress, intensive care unit, nursing, adult.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3422

Actions (login required)

View Item View Item