Il diario personale di lavoro: uno strumento di valutazione nelle attività di educazione alla ricerca documentale nelle scuole medie

Gianotti, Lara (2020) Il diario personale di lavoro: uno strumento di valutazione nelle attività di educazione alla ricerca documentale nelle scuole medie. Diploma of Advanced Studies (DAS) thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana (SUPSI).

[img] Text
LD-Lara Gianotti.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB)

Abstract

Il concetto di apprendimento permanente (lifelong learning) è un concetto cardine dei nostri tempi, garantisce una cittadinanza attiva nella società, ed è promosso a vari livelli da enti ed istituzioni politiche, culturali, educative ed economiche a livello nazionale ed internazionale; anche il Piano di Studi della scuola dell'obbligo ticinese1 del 2015, e la Politica bibliotecaria del Canton Ticino ne fanno riferimento. Il concetto di apprendimento "durante tutta la vita" è strettamente legato alla nozione di information literacy. Attraverso una breve sintesi sull'evoluzione del concetto di competenza informativa e le sue diverse accezioni in ambito biblioteconomico, si vedrà come l'educazione alla ricerca documentale, a partire dalla scuola media, sia fondamentale per educare gli studenti a produrre nuova conoscenza personale attraverso un confronto critico e consapevole con le fonti documentali e nel contempo maturare una consapevolezza circa la metodologia del processo stesso di ricerca (ovvero del processo di apprendimento), aggiungendo, alle conoscenze disciplinari acquisite attraverso la ricerca, un sapere trasversale, trasferibile in altri contesti della vita nei quali si è chiamati a risolvere un problema conoscitivo. Il luogo ideale per questo tipo di apprendimento, che sottende un approccio costruttivista e tende all'attivazione di competenze trasversali, e permea appunto la nozione di apprendimento permanente e duraturo, è la biblioteca, che permette un'attività didattica altra rispetto alla prassi dell'apprendimento in aula; la biblioteca offre spazi, strumenti di lavoro e risorse documentali organizzati e quindi potenzialità didattiche differenti, e la figura del bibliotecario, forte del suo sapere sugli universi informativi e documentali, costituisce senz'altro una risorsa didattica fondamentale. L'educazione a questa competenza avviene attraverso la sperimentazione pratica; nel nostro contesto viene presentata un'attività di laboratorio di ricerca documentale, inserita in un contesto disciplinare (Storia). Per svolgere il compito assegnato, gli studenti dovranno ricercare informazioni in fonti documentali (Periodici, Banche Dati e Siti web) già assegnate. Verranno introdotti all’utilizzo della scheda di valutazione del documento, quale strumento di lavoro e di esercizio per un confronto ad una prima (e sommaria) analisi bibliografica e semantica del documento. Verrà proposto l'utilizzo del "Diario personale di lavoro", quale strumento per indurre gli studenti ad una meta riflessione sul processo di ricerca quale processo di apprendimento e sulla complessità dell'universo informativo /documentale. Viene quindi proposto un modello di Diario personale di lavoro ed una guida alla sua compilazione, adattati e semplificati per l'utenza specifica alla quale è destinata l'attività didattica proposta (4° media). La restituzione di questa nuova conoscenza può avvenire in diverse modalità; se ne proporranno alcune, quali rappresentazioni, letture, video e tutorial o altra creazione congeniale alle modalità di comunicazione tra i giovani. Relatrice: Natalia Lepori.

Item Type: Thesis (Diploma of Advanced Studies (DAS))
Corso: DAS BSI Biblioteche e scienze dell'informazione
Supervisors: Lepori, Natalia
Subjects: Management
Divisions: Dipartimento formazione e apprendimento
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3383

Actions (login required)

View Item View Item