Lo sviluppo del disegno verosimile: la rappresentazione del reale mediata o diretta

Binda, Alessio (2020) Lo sviluppo del disegno verosimile: la rappresentazione del reale mediata o diretta. Master thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana (SUPSI).

[img] Text
Binda, Alessio_LD.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (38MB)

Abstract

Questa ricerca di didattica si propone di indagare il tema della verosimiglianza e dell'espressione all'interno di un percorso legato allo studio della tridimensionalità in due classi di terza media. Questa annualità è tipicamente legata allo studio della rappresentazione dello spazio. Per questo motivo l'attività proposta alle due classi di terza è incentrata sul disegno di ambienti spaziali e in particolare sullo studio di architetture esterne e interne. La domanda di ricerca, "In che misura la visione di opere artistiche può aiutare alla presa di coscienza di un’espressività personale nell’allievo?", si concentra sulle diverse tipologie di riferimenti forniti agli allievi e su quali siano da preferire in un discorso che favorisca l'affinamento dei mezzi espressivi. L'ipotesi è che delle immagini mediate, e cioè degli elaborati grafico-artistici, influiscano maggiormente sulla capacità dell'allievo di sviluppare un codice iconico che esplori la dimensione connotativa, oltre che quella denotativa, rispetto a delle immagini dirette, fotografiche. Grazie alla ricerca svolta, tramite questionari in entrata e in uscita, ma anche all'analisi degli elaborati degli allievi, ho potuto constatare che l'allievo ha un forte interesse e una grande capacità intuitiva nell'analisi e nella comprensione dei linguaggi artistici. Al contempo però, ha delle difficoltà a trasporre questi linguaggi, e il suo interesse per l'analisi della realtà, e quindi per un'immagine illusionistica, prevalgono quasi sempre sull'utilizzo di un linguaggio espressivo nella produzione di un elaborato. Nella maggior parte dei casi l'allievo è troppo concentrato a disegnare quello che vede, per pensare a come lo sta disegnando. Infatti uno dei dati più interessanti fuoriusciti dai questionari, è che l'allievo, a livello concettuale, dà molta importanza all'aspetto comunicativo dei linguaggi artistici, ma che poi quando produce un'immagine, il linguaggio realistico è il più conforme al suo sentire espressivo. Relatore: Mario Bottinelli Montandon. Materia: Geografia.

Item Type: Thesis (Master)
Corso: UNSPECIFIED
Supervisors: Bottinelli Montandon, Mario Ernesto
Subjects: Formazione - Apprendimento
Divisions: Dipartimento formazione e apprendimento > Scuola media (secondario 1)
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3155

Actions (login required)

View Item View Item