Il trattamento fiscale del reddito da attività lucrativa dipendente conseguito da personale distaccato

Nujic, Marko (2019) Il trattamento fiscale del reddito da attività lucrativa dipendente conseguito da personale distaccato. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Nujic_Marko_Tesi_Bachelor.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Un distaccato è un lavoratore che viene temporaneamente trasferito all’estero dall’azienda della quale è dipendente, al fine di svolgere un’attività lucrativa a tempo determinato, nell’ambito di una prestazione transfrontaliera di servizi. Esso, dunque, consegue una parte del suo stipendio in uno Stato diverso dal suo Stato di residenza. A questo punto è lecito porsi la seguente domanda: quale dei due Stati ha la potestà impositiva sul reddito conseguito da personale distaccato? Il principale obiettivo del presente lavoro di tesi è quello di dare una risposta a tale domanda, analizzando le norme di diritto interno e quelle di diritto convenzionale. Innanzitutto, occorre approfondire le norme previste dal diritto tributario svizzero relative all’imposizione dei redditi conseguiti da parte di lavoratori che non risiedono in Svizzera in modo permanente. L’approfondimento si prefigge di definire se e quando un lavoratore distaccato soddisfi il requisito della dimora fiscale e, di conseguenza, se sottostia ad un assoggettamento limitato oppure illimitato, nonché in base a quale criterio di collegamento risulti imponibile in Svizzera. Dal momento che, di regola, i lavoratori non domiciliati in Svizzera sono assoggettati alla fonte, è prevista un’analisi del sistema di imposizione alla fonte. I lavoratori distaccati sono attivi in ambito internazionale; ciò significa che, nella definizione del trattamento fiscale del loro reddito, sono coinvolte le leggi di più Stati. Nel caso in cui entrambi gli Stati impongano il reddito conseguito, nasce una doppia imposizione. Al fine di regolare la potestà impositiva in situazioni simili, gli Stati hanno conchiuso delle apposite CDI. In quest’ottica, l’obiettivo principale del presente lavoro di tesi è quello di analizzare le norme di diritto internazionale, definendo quali implicazioni hanno nel contesto giuridico svizzero e, di conseguenza, quale effetto hanno sul trattamento fiscale del reddito da attività lucrativa dipendente conseguito da personale distaccato in Svizzera. Di particolare rilevanza è l’art. 15 M-OCSE, il quale definisce quale Stato ha diritto di imporre il reddito da attività lucrativa dipendente conseguito dal residente di uno Stato lavorando in un altro Stato. L’art. 15 cpv. 1 M-OCSE stabilisce che, di regola, i redditi conseguiti da personale distaccato possono essere tassati da parte dello Stato nel quale viene esercitata l’attività lucrativa. In seguito, l’art. 15 cpv. 2 M-OCSE, prevede un’eccezione, elencando tre criteri i quali, se soddisfatti cumulativamente, conferiscono la potestà impositiva esclusiva allo Stato di residenza del lavoratore, anche quando l’attività è svolta in un altro Stato. In tal caso, quindi, lo Stato della fonte non ha diritto di tassare il reddito del lavoratore distaccato. I criteri sono i seguenti e devono essere adempiuti cumulativamente affinché soltanto lo Stato di residenza abbia il diritto di tassare il reddito in questione: • il lavoratore soggiorna nell'altro Stato per un periodo o periodi che non oltrepassano in totale 183 giorni nel corso di 12 mesi che cominciano o terminano nell’anno fiscale considerato; e• le remunerazioni sono pagate da o a nome di un datore di lavoro che non è residente dell'altro Stato; e • l'onere delle remunerazioni non è sostenuto da una stabile organizzazione o da una base fissa che il datore di lavoro ha nell'altro Stato. L’applicazione di tale norma implica l’interpretazione di alcuni aspetti particolarmente rilevanti al fine di definire quale Stato abbia il diritto di tassare il reddito del lavoratore distaccato. Per questo motivo, il presente lavoro analizza gli aspetti critici, approfondendo nel dettaglio ognuna delle tre condizioni sopraelencate. L’obiettivo è quello di capire qual è il corretto trattamento fiscale, individuando inoltre qual è la procedura applicata dalle autorità fiscali svizzere. L’analisi del diritto interno svizzero e di quello internazionale, accompagnata da una panoramica sull’ordinamento giuridico italiano in materia tributaria, ha permesso di evidenziare quali sono gli aspetti preponderanti nell’assoggettamento dei redditi in questione. Si tratta, in particolare, della determinazione della dimora fiscale secondo il diritto tributario svizzero, della determinazione della residenza fiscale nelle relazioni internazionali e dell’interpretazione della nozione del “datore di lavoro” negli ordinamenti giuridici interni degli Stati contraenti. Inoltre, un’analisi statistica effettuata, riferita al periodo 2008-2019, dimostra che l’impiego di personale distaccato è una tendenza in aumento, sia a livello svizzero che a livello ticinese. Un ulteriore implicazione è legata al sistema di sicurezza sociale previsto per i lavoratori distaccati. Di regola, in base a convenzioni stipulate dalla Svizzera con diversi Stati, l’assoggettamento agli oneri sociali durante il distacco rimane presso lo Stato di residenza. La prassi applicata dall’autorità fiscale ticinese per quanto concerne l’assoggettamento dei redditi conseguiti da lavoratori distaccati prevede, innanzitutto, di verificare se la fonte di reddito è estera oppure svizzera. In questo modo è possibile definire se il contribuente debba essere assoggettato alla fonte oppure tramite la procedura di tassazione ordinaria. L’assoggettamento illimitato in virtù della dimora fiscale viene escluso di principio; infatti, i lavoratori distaccati, vista la natura temporanea del loro impiego in Svizzera, hanno la residenza fiscale in un altro Stato. Pertanto, non possono essere assoggettati illimitatamente in Svizzera, venendo a mancare il requisito della dimora fiscale. Il presente lavoro di tesi contiene, inoltre, una conclusione pratica in relazione a possibili miglioramenti nell’ambito della procedura d’imposizione del reddito da attività lucrativa dipendente conseguito da lavoratori distaccati in Ticino.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Supervisors: Vorpe, Samuele
Subjects: Economia
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Economia e Diritto
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/3026

Actions (login required)

View Item View Item