Le potenzialità del fisioterapista nella riabilitazione respiratoria del paziente con mielolesione cervicale: esposizione di un caso e confronto con la letteratura

Corti, Stefano (2019) Le potenzialità del fisioterapista nella riabilitazione respiratoria del paziente con mielolesione cervicale: esposizione di un caso e confronto con la letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Corti Stefano.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background Tra le possibili complicanze di un insulto alla colonna vertebrale, quelle respiratorie sono particolarmente importanti. Il danno alla muscolatura respiratoria è variabile a seconda del livello e della completezza della lesione: una totale paralisi di questi muscoli si verifica quando il livello della lesione è superiore a C3. Problematiche respiratorie sono frequenti nei pazienti mielolesi, in particolare in quelli con danno cervicale o nella parte alta della colonna toracica. Polmoniti ed atelettasie sono la prima causa di morte tra i tetraplegici. Si ritiene che i pazienti siano più vulnerabili a tali complicanze nel primo anno dopo la lesione, ma rimangano comunque più esposti al rischio per tutta la vita; inoltre, più del livello di lesione, lo sviluppo di complicanze respiratorie è determinante sulla durata del ricovero e sui costi di gestione. Obiettivi Questo lavoro intende fare chiarezza su quali siano gli strumenti, le procedure e i protocolli di cura, supportati dalle evidenze scientifiche più recenti, che il fisioterapista ha a disposizione per migliorare la condizione respiratoria di questa tipologia di pazienti, in particolare quelle che sono direttamente implicate nell’aumento della Capacità Vitale che, specialmente nella fase acuta della mielolesione, rappresenta un indice globale dello status respiratorio del paziente. I risultati verranno poi utilizzati per effettuare una analisi critica degli interventi esposti nella narrazione del caso clinico. Metodologia Con l’intento di elaborare una revisione narrativa della letteratura, è stata effettuata una ricerca all’interno delle banche dati di PubMed, PEDro e Cochrane. Sono state utilizzate come parole chiave: “Cervical Spinal Cord Injury”, “Tetraplegia”, “Spinal Cord Injury”, “Respiratory Rehabilitation”, “Guidelines”, “Vital Capacity (VC)”, “Physiotherapy”, “Physical Therapy Techniques”, “Respiratory Management”, “Respiratory”, “Respiratory Muscle Training”. Queste sono state abbinate mediante l’utilizzo degli operatori booleani AND e OR. Risultati Con l’utilizzo delle parole chiave sono stati individuati 547 studi su PubMed, 16 su PEDro e 4 su Cochrane Library. Con l’applicazione dei criteri di inclusione ed esclusione sono infine stati selezionati 19 articoli. Dalla analisi di questi è sono stati estratti ed esposti gli interventi che rappresentano le possibilità di approccio fisioterapico alla componente respiratoria del paziente tetraplegico. Conclusioni Tra le tecniche identificate, efficaci nell’aumentare la Capacità Vitale si sono rivelate la fascia addominale, la respirazione glossofaringea e la tecniche di allenamento della muscolatura respiratoria, sebbene queste ultime necessitino di ulteriore approfondimento. Tuttavia il fisioterapista ha a disposizione anche altri interventi che risultano efficaci nella gestione del paziente tetraplegico, in particolare la tosse meccanica abbinata a quella assistita ha mostrato i migliori risultati come tecnica di clearance bronchiale. Sarebbe necessario che gli studi futuri utilizzino outcome e metodi più standardizzati, per permettere il confronto dei risultati.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2958

Actions (login required)

View Item View Item