L’efficacia della CBT in pazienti con disturbi della nutrizione e dell’alimentazione

Pompeo, Giulia (2019) L’efficacia della CBT in pazienti con disturbi della nutrizione e dell’alimentazione. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Pompeo Giulia.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (492kB)

Abstract

Background I Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da un’alterazione dell'introito alimentare, che sia esso in eccesso o in difetto, che porta a problematiche di tipo fisico o psicosociale. Tra i DCA oggi classificati ho scelto di analizzare più in specifico: la Bulimia Nervosa, l’Anoressia Nervosa, il Disturbo da Alimentazione Incontrollata e Altri disturbi della nutrizione e dell’alimentazione specificati. Attualmente non esiste una cura efficace al 100% il che indica la necessita di ulteriori sviluppi terapeutici e ricerca. Obiettivi Questo lavoro di tesi è volto a conoscere le modalità di presa a carico dei pazienti con Disturbo del Comportamento Alimentare nell’ambito di un modello concettuale cognitivo comportamentale, approfondendone le premesse teoriche e verificandone i risultati attuali presenti in letteratura. Metodologia della ricerca Si è scelto di effettuare una ricerca sistematica in letteratura presso le principali banche dati (Google Scholar, PubMed, Wiley, Cochrane Library, e OVID – Medline). Utilizzando varie combinazioni di circa 12 parole chiave (ad es. nurse, CBT, Eating disorders, efficacy, etc.), cinque criteri di inclusione e quattro criteri di esclusione, sono stati individuati 8 articoli da valutare nella review sistematica. Risultati L’analisi degli 8 articoli ha permesso di evidenziare che le terapie basate sulla teoria cognitiva comportamentale erogata come terapia di gruppo, individuale, adattata per adolescenti e per disturbi alimentari, ha riscontato esiti positivi medio alti in tutti gli otto articoli esaminati. I tassi di astinenza dai sintomi variavano dal 16% al 58%. Conclusioni Dai risultati della ricerca emerge che questo approccio migliora i disturbi del comportamento alimentare su più fronti. Nei sintomi fisici, inducendo astinenza dai sintomi del disturbo alimentare (come abbuffate e condotte d’eliminazione), in sintomi psicopatologici di comorbidità (depressione e ansia) e nei sintomi psicologici quali angoscia e preoccupazione legata al disturbo alimentare. Ciononostante non esiste ancora una terapia completamente efficace per i DCA e in alcuni gruppi i tassi di abbandono erano alti.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2953

Actions (login required)

View Item View Item