Diabete mellito tipo 2 e l’importanza dell’educazione terapeutica da parte degli infermieri

Ibnorida, Jacqueline (2019) Diabete mellito tipo 2 e l’importanza dell’educazione terapeutica da parte degli infermieri. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Ibnorida Jacqueline.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background Il diabete mellito di tipo 2 (DM2) è una malattia cronica caratterizzata da elevati livelli di glucosio nel sangue, che colpisce maggiormente la popolazione anziana, a causa di disfunzioni fisiologiche del sistema endrocrino. Negli ultimi tre decenni la prevalenza di questa malattia, è aumentata notevolmente nei paesi di tutti i livelli di reddito, si stimano circa 442 milioni di persone affette da questa malattia, a livello globale («OMS | Diabète», s.d.). È pertanto necessario, per una buona cura di sé, eseguire una dieta sana, fare attività fisica giornaliera, usare correttamente i farmaci e sottoporsi allo screening regolare; tutto ciò viene eseguito per prevenire o tardare le complicanze associate al diabete. I curanti devono intervenire attraverso interventi ben strutturati per cercare di rendere il paziente più competente possibile per una buona autogestione della malattia ed essere aderenti al piano terapeutico. Scopo L’obiettivo di questa ricerca è quello di rispondere alla seguente domanda: “Tramite una corretta educazione terapeutica da parte dell’infermiere si può ottenere una buona autogestione del diabete mellito tipo 2?” Gli obiettivi del lavoro sono quelli di analizzare e verificare se tramite una corretta educazione terapeutica al paziente affetto da DM2 si può ottenere una buona autogestione del diabete, e di verificare la reale efficacia del lavoro che svolge l’infermiere con i pazienti diabetici nel ruolo di insegnante terapeutico. Metodologia La metodologia utilizzata per raggiungere gli obiettivi del lavoro è una revisione della letteratura scientifica. Le banche dati consultate sono CINHAL, PubMed e Science Direct (ELSEVIER), tramite delle stinghe di ricerca come “diabetes mellitus type 2 AND self-management AND nursing roles”. Risultati In totale sono stati analizzati dieci articoli. I risultati ottenuti dimostrano che l’educazione terapeutica al paziente diabetico rappresenta una strategia efficace e valida che porta il paziente stesso ad ottenere una propria autonomia nell’autogestione della malattia. I risultati emersi dalle evidenze indicano che la maggior parte dei soggetti affetti da DM2 pratica in modo inadeguato ed irregolare le cure abituali, come l’alimentazione sana, l’automonitoraggio della glicemia e l’esercizio fisico. Questa problematica, deriva principalmente dal fatto che vi è una mancanza di informazioni/conoscenze in merito alla malattia, ed è qui che l’infermiere entra in gioco, in quanto possiede le competenze e capacità per fornire un’educazione terapeutica efficace ai pazienti con DM2. Conclusioni In conclusione, gli studi dimostrano che l’educazione terapeutica volta al self-management aumenta significativamente le conoscenze della malattia, migliora lo stile di vita e quindi la qualità di vita di ogni soggetto malato. Risulta fondamentale che il paziente stesso abbia una buona motivazione, autoefficacia e determinazione nel prendersi cura di sé, per favorire il raggiungimento degli obiettivi condivisi, il quale deve avere un ruolo attivo e non passivo all’interno del proprio piano di cura. Parole chiave Diabetes mellitus type 2, therapeutic education, self-management, nursing roles, nursing, patient diabetic, diabetic self-management, adherence.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2951

Actions (login required)

View Item View Item