Kitschincanta. Chi c’incanta?

Magistra-Caminada, Livia (2019) Kitschincanta. Chi c’incanta? Master of Advanced Studies (MAS) thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Magistra Caminada Livia_DSP.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (103MB)

Abstract

Uno studio volto a far conoscere il Kitsch: fenomeno solitamente associato all’idea del brutto e del cattivo gusto. Con brutto s’indica normalmente ciò che in noi provoca un’impressione estetica spiacevole ed è da tutti considerato il diretto contrario di bello. Ma il brutto e il bello possono incontrarsi e generare qualcosa di originale, d’interessante, di Kitsch. In principio con questo termine s’indicava ciò che era considerato, appunto, di cattivo gusto e che apparteneva a quelle forme di “non arte” tipiche della borghesia trionfante. Negli ultimi decenni, il Kitsch è entrato a far parte dell’arte e della vita di tutti i giorni. Si trova ovunque: è diventato un processo dell’estetica nella società dei consumi di massa, dove il mercato deve soddisfare i bisogni estetici del maggior numero di persone al minor prezzo. I bambini sono naturalmente attratti dalla facile seduzione del Kitsch, che si serve dell’esagerazione per generare stupore. Ma un conto è trovare bello qualcosa che ha le caratteristiche per esserlo e un altro è apprezzarlo solo perché molto appariscente. Infatti, l’eccessiva esagerazione può dar luogo al famoso cattivo gusto. Attraverso un progetto sul paese di cuccagna si vuole portare i bambini a conoscere questo fenomeno, a riconoscerne le caratteristiche e a utilizzarlo senza farsi prendere troppo la mano. “Perché il cattivo gusto è sempre in agguato” (Dorfles, G., 2012).

Item Type: Thesis (Master of Advanced Studies (MAS))
Corso: MAS Educazione alle arti plastiche nelle scuole comunali
Subjects: Formazione - Apprendimento
Divisions: Dipartimento formazione e apprendimento
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2949

Actions (login required)

View Item View Item