Diamanti da incastonare : Il percorso d’accompagnamento all’inserimento lavorativo della Fondazione Diamante

Lamorte, Liisa (2019) Diamanti da incastonare : Il percorso d’accompagnamento all’inserimento lavorativo della Fondazione Diamante. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Lamorte_Liisa_Tesi_2.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (697kB)

Abstract

Lavorare, diritto di tutti gli esseri umani ma come aiutare le persone con disabilità per favorire la loro inclusione socio-professionale? Oggigiorno si parla spesso d’integrazione e inclusione professionale, molte volte questi termini possono risultare utopici, mentre altre volte questi obiettivi si concretizzano. La tesi esporrà uno dei dispositivi di integrazione per persone con disabilità nel mondo del lavoro primario, mostrando il percorso continuativo dell’accompagnamento, dai punti di vista dei vari attori coinvolti. Il Servizio di cui tratta la tesi è quello dell’inserimento lavorativo (SIL) della Fondazione Diamante (FD). Quest’ultimo offre ad una gamma ristretta di utenti dei vari Laboratori Protetti distribuiti su tutto il territorio cantonale la possibilità di poter fare un’esperienza al di fuori di questi, con lo scopo di trovare un lavoro nel mercato di lavoro primario. Esso però è un processo lungo e non sempre facile per gli operatori che lavorano nel Servizio. Inizialmente vi è una fase molto delicata, dove si ha la necessità di individuare candidati idonei e volenterosi per intraprendere il percorso, dall’altra parte però ci deve essere la disponibilità delle aziende di poter e voler assumersi una certa responsabilità offrendo un posto di lavoro ad uno o più utenti della FD. In seguito troveremo un lungo percorso di progettazione e di mediazione tra le parti, in quanto vi è il primo approccio tra loro dove si decide e si concorda tutto, come ad esempio gli orari di lavoro e i responsabili tutor che accompagneranno l’utente. Una volta deciso tutti gli aspetti più amministrativi si avvia lo stage. Durante tutto questo percorso iniziale, il Servizio della Fondazione offre in oltre un accompagnamento di un educatore responsabile, in modo Lavorare, diritto di tutti gli esseri umani ma come aiutare le persone con disabilità per favorire la loro da non lasciare mai solo l’utente, ma nemmeno l’azienda stessa, qui starà alla bravura dell’operatore l’equilibrare i diversi bisogni che entrambe le parti presenteranno. In seguito ad un periodo di stage più o meno lungo vi è un secondo momento di discussione per cercare di concretizzare l’inserimento, puntando alla firma di un contratto sociale indeterminato, attraverso il quale viene assicurato il sostegno da parte del servizio, ma dall’altra parte l’azienda deve assumersi l’onere di pagare il salario sociale. In caso di risultati negativi, sia da parte dell’utente sia dell’azienda che non può offrire un posto di lavoro, si presentano due opzioni all’utente: il ritorno in Laboratorio oppure la continuazione tramite un contratto di collaborazione, ovvero la continuazione del percorso lavorativo all’interno dell’azienda, ma supportato finanziariamente dalla Fondazione Diamante. Anche in questa seconda fase, l’accompagnamento è garantito e avviene con visite mensili, se necessario anche più frequenti, oppure vi è la disponibilità telefonica nei giorni lavorativi ufficiali. In questa tesi, oltre alla conoscenza dell’accompagnamento offerto dalla Fondazione Diamante, vengono analizzate anche le competenze messe in campo dagli educatori del SIL ed infine, non meno importante, viene presa in considerazione l’opinione degli utenti che hanno sperimentato il percorso, oppure che lavorano in ditte esterne, questo per avere un quadro completo sul funzionamento e l’utilità del Servizio. Dalle interviste e da alcuni approcci teorici si sono ottenuti dati divergenti. Complessivamente sono state spese parole positive, sottolineando l’utilità del Servizio, poiché risponde ai propri obiettivi (esposti sopra), anche se, in qualche caso ci sono stati dei piccoli limiti o dissensi, come ad esempio parlando di difficoltà nell’accettare un salario sociale basso, o l’insoddisfazione di chi non è riuscito ad intraprendere il percorso in azienda. Infine, nelle varie riflessioni vengono sottolineati gli aspetti critici e non del Servizio di accompagnamento lavorativo della Fondazione Diamante, proponendo delle modalità di interventi alternativi poiché vi è una difficoltà nella società di inserire persone con disabilità o dipendenze.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Additional Information: Opzione: Educatore sociale
Uncontrolled Keywords: Servizio inserimento lavorativo, Accompagnamento, Fondazione Diamante, Formazione, Percorso inserimento lavorativo
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2889

Actions (login required)

View Item View Item