Potenzialità e limiti dell’inclusione scolastica : una dinamica triangolare fra scuola elementare, scuola speciale e comunità: l’esempio di Riva San Vitale.

Catalano, Mariangela (2019) Potenzialità e limiti dell’inclusione scolastica : una dinamica triangolare fra scuola elementare, scuola speciale e comunità: l’esempio di Riva San Vitale. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Ultima versione_Tesi di Bachelor Mariangela Catalano.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Questo Lavoro di Tesi, sviluppato su una ricerca empirica, si basa principalmente su un interesse personale riguardante l’inclusione sociale e l’inclusione scolastica e vuole indagare territorialmente il livello di consapevolezza tra i professionisiti di queste tematiche. Attraverso l’esperienza lavorativa svoltasi presso l’Istituto San Pietro Canisio, in occasione dell’utlimo periodo di pratica professionale dettato dal percorso di studi in Lavoro Sociale, è stato possibile svolgere un confronto e sviluppare un indagine. L’istituto San Pietro Canisio è situato nel nucleo di Riva San Vitale, ed è un istituzione dove risiedono, lavorano e vivono persone con disabilità lieve dai dodici anni in poi. La partecipazione alla vita della comunità, oltre ad essere momenti in cui l’individuo produce relazioni, confronti e consapevolezze, sono anche occasioni in cui si condividono e apprendono abilità significative. L’intento di questa ricerca è quello di indagare sulle rappresentazioni del tema dell’inclusione da parte dei professionisiti di Riva San Vitale, che sono confrontati e che lavorano con le future generazioni dei nostri comuni Ticinesi. Inoltre vuole analizzare le rappresentazioni della comunità nei confronti di queste istituzioni e questi temi. L’indagine è quindi stata inserita nel contesto scolastico di Riva San Vitale attraverso un analisi triangolare, selezionando come soggetti la Scuola speciale dell’Istituto San Pietro Canisio, la Scuola elementare e l’Assistente Sociale del Comune. Quest’ultimo come rappresentante della comunità. L’obiettivo della visione triangolare offertasi da questo Lavoro di Tesi è quello di poter rispondere in parte alla seguente domanda: “Quali sono le potenzialità e i limiti di un’inclusione scolastica in Ticino?” Al fine di porre una risposta a questa domanda l’indagine è stata suddivisa nelle seguenti parti. Nella prima parte vi è presente un’analisi dei termini specifici presenti in questa tesi, quali: inclusione, inclusione scolastica, integrazione, segregazione, esclusione e norma. Nella seconda parte, che comprende interviste anonime semi strutturate, si è indagato in primo luogo sulle possibili rappresentazioni che vengono assegnate ai termini inclusione e integrazione e il loro possibile uso nella pratica professionale quotidiana. In secondo luogo è stata sondata l’importanza, secondo i professionisti, di lavorare in modo collaborativo attraverso l’ottica triangolare. In ultimo luogo invece il focus è stato spostato su quali, secondo gli intervistati, fossero le potenzialità e i limiti di un inclusione scolastica in base alla loro esperienza e quotidianità lavorativa. Infine, per concludere l’indagine, nella terza parte, viene offerta una riflessione personale dei dati emersi attraverso questa ricerca territoriale nel nucleo di Riva San Vitale. Questo lavoro permette, in parte, di comprendere a che livello si situa il Canton Ticino riguardo gli argomenti dell’inclusione scolastica e trasversalmente a quello dell’inclusione sociale.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Additional Information: Opzione: Educatore sociale
Uncontrolled Keywords: inclusione, inclusione scolastica, Canisio, pedagogia speciale, pedagogia specializzata, scuola speciale, triangolazione, lavoro di rete
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2866

Actions (login required)

View Item View Item