Il conflitto come occasione di conoscenza

Ballarini, Giacomo (2019) Il conflitto come occasione di conoscenza. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Giacomo Ballarini_Tesi Bachelor.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (7MB)

Abstract

Il periodo di pratica professionale svolto presso il Centro terapeutico residenziale multidisciplinare delle dipendenze da alcol di Ingrado a Cagiallo e più specificatamente nel settore della riabilitazione professionale, è alla base della scelta tematica e dello sviluppo di questo lavoro di tesi. Il lavoro e l’occupazione, presso il centro succitato, costituiscono un settore specifico di carattere diurno, ambito gestito da operatori di laboratorio (OL) che offre attività lavorative finalizzate all’acquisizione e/o ripresa di competenze socio-professionali. Un settore non esente da situazioni conflittuali, nello specifico tra utenti ed operatori, che necessitano l’adozione da parte di quest’ultimi di adeguate strategie di gestione. Ho ritenuto interessante analizzare tali strategie alfine di comprendere quali sono funzionali per il benessere dell’utente. I temi principali trattati al riguardo sono tre e più specificatamente: le rappresentazioni del significato che l’operatore dà al conflitto in relazione al suo contesto lavorativo; quali sono le cause alla base delle dinamiche conflittuali che coinvolgono l’utente e l’operatore e come quest’ultime vengono gestite in un’ottica trasformativa e di apprendimento. Questo lavoro di tesi si sviluppa attraverso una sintesi del contesto in cui si è svolta la ricerca, una breve esposizione del quadro teorico relativo al tema del conflitto e le sue possibili modalità di gestione. Si passa poi all’analisi delle informazioni raccolte dalle interviste proposte agli operatori di laboratorio attraverso un confronto con gli elementi teorici precedentemente elaborati. Le interviste sottoposte ai quattro operatori di laboratorio del Centro Residenziale di Cagiallo, attraverso l’ausilio di una metodologia d’intervista di tipo qualitativo, hanno permesso di raccogliere una rilevante quantità di informazioni utili a rispondere agli interrogativi di tesi. Da questo lavoro è emerso che ognuno vive e affronta il conflitto a modo suo, in quanto le rappresentazioni e le manifestazioni di questo evento relazionale variano in funzione del vissuto delle persone coinvolte. Un evento che può offrire occasioni di conoscenza degli aspetti altrui e del proprio essere. Una situazione che, proprio perché complessa, necessita di essere compresa non solo nei sui aspetti superficiali, ma soprattutto in quelli più profondi. Un contesto in cui l’operatore ha il compito di creare i necessari spazi utili a prevenire una pericolosa deriva, favorendo l’esplicitazione dei motivi che hanno portato a quello stato relazionale e lo scambio comunicativo e di reciproco ascolto. Spazi alla cui base ci deve essere il rispetto dell’idea dell’altro, la curiosità di volerla capire e la volontà di trovare assieme una soluzione condivisa. Un’occasione dalla quale è possibile attivare un processo di apprendimento volto a scoprire o riscoprire risorse, competenze e aspetti del proprio essere sui quali è possibile lavorare per riuscire a risolvere i propri conflitti interiori. Un’opportunità di conoscere nuove opinioni, nuovi punti di vista, nuove possibili strade da percorrere.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Educatore sociale
Uncontrolled Keywords: Centro Residenziale Ingrado, laboratorio, alcolismo, operatori di laboratorio, conflitto, dinamiche conflittuali, conflitto interpersonale, gestione del conflitto, opportunità
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2846

Actions (login required)

View Item View Item