Un viaggio alla scoperta delle emozioni dell’educatore sociale : l’educatore all’interno del Centro Psico-Educativo di Gerra Piano e le relazioni ad alto tasso emotivo.

Accardi, Gessica (2019) Un viaggio alla scoperta delle emozioni dell’educatore sociale : l’educatore all’interno del Centro Psico-Educativo di Gerra Piano e le relazioni ad alto tasso emotivo. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Accardi_Gessica_Tesi.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (2MB)

Abstract

Il campo delle emozioni è sicuramente molto vasto e denso di possibili interpretazioni. Gli interrogativi iniziali del Lavoro erano quelli di capire come gli educatori potessero essere confrontati con le proprie emozioni, attraverso l’incontro con i bambini e quanto sia importante prendersi cura delle proprie emozioni, soprattutto nel contesto educativo. Addentrandosi nel mondo dell'emozionalità si analizzano le impressioni provate dagli educatori in un contesto ad alto tasso emotivo, ma anche la correlazione tra le emozioni ed il motivo della scelta professionale, andando a rispondere alla seguente domanda di ricerca: La motivazione della scelta della professione di educatore sociale è correlata ai motivi profondi della propria storia personale? In che modo l’educatore può prendersi cura delle proprie emozioni in un contesto educativo come quello del Centro Pisco-educativo di Gerra Piano? Per conferire un ordine al Lavoro, lo scritto si suddivide in due parti, la prima teorica e metodologia, mentre la seconda da voce alle esperienze delle persone coinvolte e in corrispondenza alla teoria e alle riflessioni personali. Nel tentativo di rispondere a questi interrogativi, si è optato per una ricerca empirica di tipo qualitativo, coinvolgendo una struttura sul territorio, ovvero il Centro Pisco-educativo di Gerra Piano. Attraverso le interviste con domande semi-strutturate a tre educatori e ad uno psicologo del servizio è stato possibile delineare una riflessione in merito alla complessità degli aspetti da curare per mettere in atto una risposta alle emozioni scaturite dall’incontro con l’altro. Dalla ricerca è affiorata l’importanza di riconoscere sia i motivi profondi che spingono la persona ad intraprendere la professione di educatore sociale, sia a riconoscere, valorizzare e a prendersi cura delle emozioni che nascono dall’incontro con l’altro. Le risposte degli intervistati risultano abbastanza diversificate, in quanto sono guidate da sistemi di premesse individuali di ogni operatore, ma le caratteristiche affiorate in modo ricorrente sono l’importanza del riconoscimento delle emozioni e il beneficio di prendersi cura della propria vita emotiva. L’esigenza di poter far capo ad una supervisione ed al confronto costante con i colleghi è risultato anche un denominatore comune degli intervistati. Tuttavia, al contrario di quanto ci si attendesse, non è emersa in modo significativo l’importanza per un operatore sociale di una formazione professionale specifica focalizzata sulla comprensione delle proprie emozioni. L’impressione è che ogni operatore ritenga di dover cercare di gestire la dimensione emotiva con gli strumenti che trova dentro di sé, proprio attraverso le esperienze della vita. Dall’analisi è emersa con forza il bisogno di stimolare e favorire la necessità di trovare dei momenti di riflessione con i colleghi e di sviluppare una maggiore consapevolezza di sé. Scavare nel passato può essere d’aiuto alla comprensione della propria identità e di riflesso ai motivi che hanno portato alla scelta della professione. Se la dimensione emotiva costituisce una parte importante del lavoro dell ecudcatore sociale, questa non basta però a renderlo una figura completa. Oltre alla consapevolezza, al riconoscimento e al prendersi cura della propria vita emotiva è vitale l’acqusizione di competenze teoriche attraverso un percorso formativo. In conclusione, per fare l’educatore sociale non basta la vocazione, ma questa deve essere sostenuta da una formazione di base solida, che consenta davvero di potersi prendere cura dell’altro.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Educatore sociale
Uncontrolled Keywords: emozioni, vita emotiva, cura, relazione educativa, educatore sociale, scelta professionale, formazione professionale, motivazione professionale
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2838

Actions (login required)

View Item View Item