L’inclusione lavorativa di persone disabili : attraverso quali strumenti e competenze l’operatore sociale attivo nell'inserimento professionale è in grado di mediare tra mondo economico e mondo sociale?

Concas, Fabrizio (2019) L’inclusione lavorativa di persone disabili : attraverso quali strumenti e competenze l’operatore sociale attivo nell'inserimento professionale è in grado di mediare tra mondo economico e mondo sociale? Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Tesi 2019.pdf - Published Version
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (878kB)

Abstract

[TESI NON DISPONIBILE] Siamo inseriti all’interno di una società nella quale la componente lavorativa ricopre un ruolo fondamentale, rappresentando per ogni individuo un simbolo di identificazione, realizzazione personale e indipendenza. Questo ragionamento, però, è fatto prendendo in considerazione la maggior parte delle volte persone normo-dotate. Il percorso svolto sia a livello di stage pre-formativo che in seguito nel corso dei due stage del terzo e sesto semestre, mi hanno dato l’opportunità di avvicinarmi al mondo della disabilità, dei laboratori protetti e, grazie a Pro Infirmis, al progetto In Azienda. Proprio quest’ultimo in particolare, ha attirato la mia attenzione e mi ha dato lo spunto per sviluppare il lavoro di tesi. Laura Colombo nel suo libro Siamo tutti diversamente occupabili ci offre un cambio di prospettiva del concetto di disabilità, parlando di “diversità di abilità” e ponendo quindi l’accento su quelle che sono le risorse della persona e non i limiti. Il focus del mio lavoro è posto sulla figura dell’operatore sociale. Sono state effettuate interviste a tre enti che operano sul territorio ticinese (Pro Infirmis, Otaf e Fondazione Diamante) e una al responsabile del settore alberghiero di un ospedale. Tramite queste interviste è stato possibile capire grazie a quali strumenti e competenze l’operatore sociale contribuisce a rendere possibile l’inclusione lavorativa di persone con disabilità, permettendo a tutti i soggetti di vivere una vita auto-determinata ed evitando che una condizione di svantaggio diventi fonte di stigmatizzazione e costituisca un’etichetta. Inoltre, l’intervista al responsabile del settore alberghiero di un ospedale è stata fonte di spunti di riflessione importanti e ha permesso di avere una visione più ampia che comprendesse anche il punto di vista di un contesto aziendale. È emerso che uno strumento molto importante è quello dello stage, che permette alla persona disabile l’apprendimento o il consolidamento di competenze pratiche e, inoltre, gli dà la possibilità di riabituarsi a ritmi di vita scanditi e a scadenze ed orari da rispettare molto più contingenti rispetto a una realtà protetta. Lo stage diventa fondamentale anche per il datore di lavoro e l’operatore sociale perché grazie ad esso è possibile valutare il candidato e capire se quello intrapreso sia il percorso più adatto, anche in base ai feedback della persona disabile stessa che viene sempre messa al centro di ogni progetto. Bisogna aggiungere che la persona che affronta uno stage in un contesto lavorativo normale affronta un’esperienza importante di valorizzazione personale, nella quale le competenze pratiche o meglio definite tecnico-professionali non costituiscono un fattore determinante in quanto possono sempre essere apprese. Perché un progetto di inserimento lavorativo vada a buon fine è necessario, invece, che il candidato sia il primo attore di un cambiamento positivo nella propria vita. In base poi al modus operandi dell’ente che lavora nell’ambito della disabilità, l’operatore sociale che in questo caso si può definire operatore della mediazione, sfrutterà i colloqui, la conoscenza della persona disabile e, nel caso specifico dei laboratori protetti, la collaborazione quotidiana, per offrire al contesto aziendale un profilo idoneo. Per l’azienda invece, la persona disabile rappresenta non solo un punto di forza importante dal punto di vista pratico ma anche un’opportunità di crescita a livello di immagine.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale
Uncontrolled Keywords: inclusione, lavoro, disabilità, operatore sociale, azienda
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2826

Actions (login required)

View Item View Item