Fisioterapia e AR: potrebbe un gioco in realtà aumentata (Pokémon GO) aiutare nel ridurre il fenomeno della sedentarietà e del sovrappeso infantile? Un’analisi sul territorio

Vallario, Krishna (2020) Fisioterapia e AR: potrebbe un gioco in realtà aumentata (Pokémon GO) aiutare nel ridurre il fenomeno della sedentarietà e del sovrappeso infantile? Un’analisi sul territorio. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Vallario Krishna Tesi PDF.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (3MB)

Abstract

BACKGROUND: l’obesità infantile rappresenta una delle sfide più importanti nell’ambito della salute pubblica; il contesto socioculturale ha un’influenza importante nella sua diffusione. I bambini in sovrappeso tendono ad avere meno amici, il che si traduce in meno interazioni sociali e momenti di gioco a favore di maggior tempo trascorso in attività sedentarie. Questo porta ad un ulteriore aumento di peso poiché la quantità di calorie consumate supera la quantità di quelle utilizzate. Lo stile di vita sedentario è anche incentivato dal fatto che il numero di ore passate davanti ad uno schermo sia aumentato negli ultimi anni. Pokèmon GO è uno gioco in AR sviluppato dalla Niantic Corporation disponibile sottoforma di App per smartphone. Usando il GPS del dispositivo insieme a Google Maps il gioco permette d’incontrare, catturare e collezionare diverse specie di piccoli “animaletti” chiamati Pokémon mentre si esplora il mondo reale. Negli ultimi quattro anni diversi studi hanno analizzato il potenziale di Pokémon GO d’incrementare il livello di attività fisica nei giovani dando loro una motivazione ludica al movimento. OBIETTIVI: l’intento di questo studio è stato quello di analizzare mediante un questionario le opinioni di bambini e adolescenti (147 ragazzi tra 8 e 18 anni) in merito all’utilizzo dei GPS exergame (principalmente Pokémon GO) allo scopo d’incentivare il movimento e l’attività fisica all’aperto. Allo stesso tempo, grazie ad un’intervista, ho raccolto le opinioni di 4 giocatori di Pokémon GO su rischi e benefici dell’applicazione nel campo dell’infanzia. METODOLOGIA: per analizzare la correlazione fra l’utilizzo di giochi in AR e la riduzione del fenomeno dell’obesità infantile ho deciso di utilizzare un mixed method, ossia combinare la raccolta di dati quantitativi (mediante il questionario rivolto a ragazzi tra 8 e 18 anni) e qualitativi (attraverso le interviste a 4 giocatori di Pokèmon GO), valutando eventuali punti d’incontro e strategie d’applicazione future. RISULTATI: secondo il campione analizzato di ragazzi/e tra 8 e 18 anni i GPS exergame sembrerebbero rappresentare un valido aiuto nel diminuire le ore di sedentarietà giornaliere e fare nuove amicizie, più incerta l’opinione riguardo la perdita di peso. In generale, i ragazzi si dichiarano disposti a partecipare sia a gruppi di gioco sul territorio che insieme ad amici e familiari. Per l’esecuzione di 10.000 passi giornalieri la maggior parte dei partecipanti ammette però di preferire l’esecuzione di giochi ed esercizi in una palestra piuttosto che l’utilizzo di giochi in AR per smartphone. Le risposte sembrerebbero variare in base all’età, alla conoscenza del gioco e al fatto che la persona sia o meno sedentaria. Rispetto alle altre fasce d’età, i ragazzi tra 15 e 18 anni sembrerebbero più propensi a considerare i GPS exergame come utili nel migliorare le proprie condizioni di salute e si dichiarano in misura maggiore disposti a partecipare a gruppi di gioco. La stessa tendenza è stata osservata tra coloro che conoscevano già in precedenza la modalità di gioco. I ragazzi sedentari, infine, a differenza della tendenza generale, per eseguire 10.000 passi giornalieri preferirebbero di gran lunga un programma basato sui GPS exergame rispetto a degli esercizi/giochi eseguiti in una palestra. I giocatori di Pokémon GO sono unanimi nel considerare gli exergame una “buona abitudine” per ridurre la sedentarietà e creare nuove amicizie, sia nella popolazione adulta che pediatrica. CONCLUSIONI: i GPS exergame sembrerebbero risultare un valido aiuto nel favorire abitudini salutogeniche in particolar modo fra ragazzi con età superiore a 15 anni e tendenzialmente sedentari, a patto che venga eseguito con regolarità. Sono però necessari altri studi a riguardo, anche per vagliare ulteriori modalità di sviluppi futuri.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Corso: UNSPECIFIED
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2788

Actions (login required)

View Item View Item