L’educazione terapeutica dei pazienti affetti da diabete tipo 2

Efficie, Guglielmo (2019) L’educazione terapeutica dei pazienti affetti da diabete tipo 2. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Efficie Guglielmo.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (655kB)

Abstract

Tematica: In questo lavoro di tesi viene affrontato come tema il diabete, in particolare di tipo 2, una malattia cronica che essendo tale, richiede una gestione responsabile e continuativa da parte di chi ne è affetto. Spesso le persone con diabete dimenticano di convivere con una malattia silenziosa che, oltre alle complicanze acute, manifesta anche le complicanze a lungo termine. Si rende pertanto necessario un intervento strutturato, ovvero un vero piano di educazione terapeutica, che aumenti la motivazione e l’aderenza dei pazienti al piano terapeutico, per la promozione di una corretta gestione del controllo metabolico, l’acquisizione di conoscenze che permetta ai pazienti una gestione adeguata della malattia ed una conseguente migliore qualità di vita. Motivazioni: Nel mio percorso formativo la patologia cronica che ho incontrato con maggiore frequenza è stata il diabete mellito di tipo 2, ho voluto quindi affrontarla indagando la modalità di gestione della patologia da parte delle persone che ci convivono e ho voluto approfondire, valutando nel tempo, le modifiche comportamentali e cliniche dei pazienti, in seguito a percorsi di educazione terapeutica, eseguiti dalla figura professionale dell’infermiere. Obiettivi: L’obiettivo di questa tesi è quello di ricercare tra le recenti evidenze scientifiche i risultati ottenuti dalla realizzazione di programmi di educazione terapeutica in pazienti con diabete tipo 2, messi in atto, nello specifico, dalla figura professionale dell’infermiere, confrontandoli con i risultati ottenuti sottoponendo pazienti con le stesse caratteristiche a piani terapeutici standard, prendendo in considerazione aspetti come: livelli di emoglobina glicata (HbA1c), controllo metabolico, conoscenze acquisite, autogestione, autoefficacia, e qualità di vita. Metodologia: La ricerca si è svolta consultando le banche dati internazionali come “Pubmed”, cercando articoli attraverso termini liberi e termini Mesh. La realizzazione del lavoro ha seguito un ordine lineare e sequenziale ed è stato suddiviso in tre parti principali. Nella prima parte è stato affrontato l’argomento “diabete tipo 2”, dal punto di vista teorico, nella seconda parte è stato trattato l’argomento “ l’educazione tearapeutica: i principi base e l’utilità clinica”, soffermandosi anche sul ruolo e sulle potenzialità della figura dell’infermiere in tale ambito, la terza parte è stata realizzata in seguito ad una attenta analisi dei risultati ottenuti in alcuni recenti studi in cui si è valutata l’utilità clinica di programmi di educazione terapeutica, attuati da infermieri. Risultati e Conclusioni: Gli articoli riportano che l’educazione al self management migliora il controllo metabolico, aumenta le conoscenze della propria malattia, le capacità di autogestione e la qualità di vita. Inoltre, favorisce la motivazione dei pazienti e costituisce un importante supporto psicologico. Questo approccio è anche in grado di indurre una riduzione del peso corporeo che si riflette in un miglioramento della qualità di vita. Si dovrebbe, quindi, investire su tale metodologia, attraverso la quale il paziente diventa attore principale del suo percorso, comprende maggiormente i rischi, si sente supportato e motivato ad aderire agli schemi terapeutici.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2772

Actions (login required)

View Item View Item