L’infermiere tra diabete, alimentazione e educazione terapeutica

Verdi, Federico (2019) L’infermiere tra diabete, alimentazione e educazione terapeutica. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Verdi Federico.pdf

Download (1MB)

Abstract

Il diabete rappresenta una delle quattro malattie non trasmissibili su cui è rivolto il maggiore interesse da parte della sanità pubblica, visti i suoi costi e data la sua incidenza sempre maggiore. Viene considerato a livello mondiale come una vera urgenza sanitaria inserendosi tra le prime 10 cause di morte. Il diabete mellito di tipo 2 (DM2) è una patologia cronica maggiormente presente nella popolazione anziana a causa di disfunzioni fisiologiche del sistema endocrino. Le complicanze associate al diabete, acute e a lungo termine si possono prevenire o ritardare. È pertanto necessario intervenire attraverso un intervento strutturato con l’obiettivo di rendere il paziente sensibile e competente con capacità di autogestione. Un importante elemento nel trattamento del diabete è il cambiamento di stile di vita, soprattutto per quello che concerne l’attività fisica e un’alimentazione sana e equilibrata. Obiettivi L’intento di questa ricerca è rispondere alla seguente domanda: Quale ruolo ha l’infermiere nell’educazione terapeutica sull’alimentazione nel paziente con diabete mellito di tipo 2? Gli obiettivi del lavoro sono quelli di verificare l’efficacia dell’alimentazione sul controllo glicemico nel paziente con DM2, verificare la reale efficacia dell’educazione terapeutica nella presa a carico del paziente diabetico cercando di individuare gli aspetti più importanti di questo processo assistenziale. In più sarà valutato il ruolo infermieristico in questa presa a carico. Metodo Per lo sviluppo di questa ricerca è stata effettuata una revisione della letteratura. La banca dati MEDLINE (PubMed) è stata la prima scelta per trovare degli articoli, vista la sua importanza nel mondo scientifico medicale e nelle scienze della salute. La banca dati CINHAL è stata scelta per la sua sensibilità alle scienze infermieristiche e per i temi di ricerca basati sulla disciplina infermieristica. Qualche articolo è stato trovato nelle fonti grigie, ovvero Google Scholar e Elsevier Research. Risultati I risultati ottenuti suggeriscono che l’educazione terapeutica rappresenti una strategia efficace come metodo di trattamento del diabete. Le cure abituali sul diabete basate sulla trasmissione di conoscenze e informazione non sono sempre sufficienti per motivare i pazienti ad attuare cambiamenti nello stile di vita, ritenuti elementi chiave del trattamento non farmacologico. L’infermiere possiede le capacità e competenze per strutturare e fornire un’educazione terapeutica efficace ai pazienti con DM2. Queste competenze derivano dall’esperienza e da una continua evoluzione all’interno del campo d’interesse. Conclusioni L’individualità e la centralità delle cure alla base del modello bio-psico-sociale consentono al paziente di raggiungere un livello di autogestione e assumere un ruolo attivo nella propria condizione di malattia. La determinazione e la motivazione del paziente a prendersi cura di sé riflettono i risultati attesi e gli obiettivi condivisi con il curante. Parole chiavi Diabetes, Diabetes Education, Diabetes Mellitus Type 2, Diabetic, Diabetic nutrition, Diabetic self-management, Diet, Glycemic control, Nurse, Nursing, Nursing care, Nursing role, Nutrition therapy, Self-management.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2751

Actions (login required)

View Item View Item