Ruolo infermieristico e gestione interprofessionale nella prevenzione della trasmissione del virus dell’HIV da madrebambino, uno sguardo all’approccio in Togo

Di Simona Fontana, Di Simona (2019) Ruolo infermieristico e gestione interprofessionale nella prevenzione della trasmissione del virus dell’HIV da madrebambino, uno sguardo all’approccio in Togo. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Fontana Simona.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background: Questo lavoro di tesi si occupa di approfondire il percorso di prevenzione del virus da immunodeficienza umana (HIV), tra la madre e il bambino (PMTCT), nel contesto togolese. Saranno analizzati gli ostacoli culturali, sociali ed economici con la quale i professionisti sono confrontati e le strategie che riescono ad attuare per riuscire a far aderire le donne al trattamento. Questa malattia infettiva è tutt’ora molto presente nei contesti con risorse limitate ed è causa di morte, soprattutto quando ad essere malati sono i neonati. È scientificamente provato che la terapia antiretrovirale (ARV) può portare i pazienti sieropositivi ad avere un’aspettativa di vita pari a quella delle persone della sua medesima età. Vi sono inoltre, molte misure preventive che si possono mettere in atto durante la gravidanza, per salvaguardare la salute sia della mamma che del bambino, elementi che saranno approfonditi durante la stesura di questo lavoro. Metodologia: Il lavoro viene svolto tramite una ricerca qualitativa, nella quale viene somministrata un’intervista semi-strutturata a otto professionisti tra cui: infermieri, ostetriche, mediatori, un assistente sociale e un chirurgo. Quanto emerso dalle interviste e dalla ricerca scientifica ha permesso di poter rispondere alla seguente domanda di ricerca: “Come avviene la prevenzione dell’HIV tra madre e bambino nel contesto togolese: quali sono i principali ostacoli e quali sono le rispettive strategie che i curanti riescono a mettere in atto?”. Obiettivi: Lo scopo di questo lavoro è quello di conoscere ed approfondire i metodi di prevenzione della trasmissione madre-bambino del virus dell’HIV nel contesto togolese. Individuare quali sono gli ostacoli sociali, economici e culturali che possono influenzare la prevenzione madre-feto in Togo, esplorare la presa in carico comunicativa e relazionale dei curanti durante l’approccio con donne in gravidanza sieropositive (tenendo in considerazione il contesto). Conclusioni: In Togo, grazie alla sensibilizzazione e all’informazione si sta cercando di far comprendere alla popolazione locale i rischi di questa malattia e tutti i metodi per una buona prevenzione al contagio. Molteplici associazioni mondiali stanno cercando di indagare questo fenomeno e pianificano continuamente delle raccomandazioni idonee per i contesti con risorse limitate. Risulta essere molto vasto parlare dei contesti poveri generalizzandoli e proponendo delle raccomandazioni per tutti uguali. Da questo lavoro si comprende come vi siano molteplici aspetti che in letteratura non vengono citati, in quanto emergono solo grazie alle interviste. Parole chiavi: human immunodeficiency, prevention mother-to-child, testing, HIV prevention, infant prophylaxis PMTCT, opportunistic infections, HIV stigma, diagnostic, breastfeeding, resource-limited settings, option B, antiretroviral

Item Type: Thesis (Bachelor)
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2741

Actions (login required)

View Item View Item