Ci metto la firma! : percorsi per l’integrazione socio-lavorativa: due istituzioni a confronto

Leone, Alessandro (2019) Ci metto la firma! : percorsi per l’integrazione socio-lavorativa: due istituzioni a confronto. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Tesi Leone Alessandro 2019.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (371kB)

Abstract

L’essere umano nella storia ha sempre ricoperto ruoli sociali e operato in ambiti specializzati con il fine di migliore le condizioni di vita, svolgendo mansioni e creando il concetto di lavoro che negli anni si è evoluto diventando un diritto civile. Le persone con disabilità sono sempre state presenti nel tessuto sociale, ma solo dal ‘900 hanno potuto esercitare questo diritto ed essere integrati nel mondo del lavoro. È risaputo che questa svolta è stata favorita dai cambiamenti socio-culturali e dai movimenti di rivendicazione dei diritti umani del XX; gli operatori sociali in questa azione hanno iniziato a ricoprire il ruolo di supporto all’integrazione accompagnando le persone con disabilità attraverso progetti di inserimento socio-lavorativo. In Ticino questa pratica, che nasce intorno alla fine del XX secolo, è svolta tutt’oggi specialmente da due istituzioni, Pro Infirmis, con il suo progetto InAzienda e Fondazione Diamante con i suoi cinque servizi di inserimento socio-lavorativo. Entrambi i servizi ritrovano le loro basi legali nella LISPSI (Legge sull’integrazione sociale e professionali degli invalidi) emanata dal Gran Consiglio Ticinese e nell’ODis (Ordinanza sui disabili) emanata dall’ONU. La mia ricerca si focalizza nello specifico sulle pratiche di inserimento socio-lavorativo mettendo a fuoco quali buone prassi vengono seguite dagli educatori attivi in questo campo e quali indicatori vengono osservati dagli operatori per valutare e monitorare il percorso. Per arrivare ad avere una buona visione delle pratiche d’inserimento e per concettualizzarle in maniera funzionale mi sono servito degli studi fatti da Montobbio e Lepri riguardanti il ruolo di mediatore dell’operatore sociale spostandomi successivamente sull’argomento dei progetti di sostegno all’inserimento. Sempre nella dissertazione ho ricavato spunti teorici importanti anche dagli scritti di Giangrandi e Serventi riguardanti gli indicatori per le competenze e per la valutazione da utilizzare in maniera funzionale nell’accompagnamento dell’utente. L’analisi è stata svolta in modo da comprendere le similitudini e le differenze tra le due modalità di lavoro e successivamente comparare i dati ricavati dal primo confronto con i riferimenti teorici; è stato scelto di seguire quest’ordine in modo tale da non tralasciare nessun punto di vista dei servizi, ricavando però solo i dati significativi che sono serviti ad avere un quadro delle pratiche concrete attivate dalle istituzioni. Facendo in questo modo si è potuto fare un confronto diretto con gli schemi di progetto e gli indicatori suggeriti dalla teoria e si è potuto ricavare quali buone prassi potrebbero essere prese in considerazione dalle istituzioni per migliorare ipoteticamente gli inserimenti lavorativi. Nelle pratiche di inserimento evidenziate in questo lavoro si denota l’importanza di seguire delle fasi di progettazione ben specifiche partendo dall’avvicinamento al servizio (con le valutazioni utente/azienda), alla fase di ricerca del consenso, fino ad arrivare all’avvio dell’esperienza e il sostegno di essa anche dopo la fine del primo contratto di stage. La sensibilizzazione del contesto lavorativo è invece un altro argomento molto sensibile per l’operatore sociale dato che è proprio nelle prime fasi di inserimento aziendale che l’utente incontra gli attriti dati dalla non-conoscenza del mondo della disabilità. È compito dell’operatore della mediazione attuare le misure necessarie ad un inserimento ottimale, collaborando con il datore di lavoro e informando in maniera corretta e puntale i collaboratori aziendali rispetto alla nuova assunzione e i dovuti compiti che svolgerà. Gli inserimenti socio-lavorativi sono stati e sono tutt’oggi un percorso che punta all’empowerment ed è in questo lavoro che ho cercato di comprendere come in Ticino questo accade

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Educatore sociale
Uncontrolled Keywords: integrazione, lavoro, accompagnamento, mediazione, disabilità
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2615

Actions (login required)

View Item View Item