Gestione del dolore cronico nella fibromialgia in eta’ adulta: analisi e confronto tra il trattamento attivo e passivo

Kaufmann, Mattia and Sassone, Marco (2019) Gestione del dolore cronico nella fibromialgia in eta’ adulta: analisi e confronto tra il trattamento attivo e passivo. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Kaufmann e Sassone.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background La sindrome fibromialgica (SFM) pone degli enigmi. Le persone colpite soffrono di dolori cronici e diffusi ai muscoli in prossimità delle articolazioni (non però alle articolazioni stesse) associati ad affaticamento, esaurimento, disturbi del sonno, depressioni, rigidità e svariati altri disturbi. Dal momento che mancano evidenze inequivocabili, la diagnosi di fibromialgia viene posta mediante un procedimento di esclusione laborioso, per cui trascorrono da cinque a dieci anni prima di avere una diagnosi definitiva. La malattia colpisce in prevalenza persone di mezz’età e più spesso il sesso femminile. I disturbi si possono però manifestare già anche nella prima giovinezza, e anche gli anziani non sono immuni dalla fibromialgia. Il disturbo può comparire in modo graduale e peggiorare con il passare del tempo, oppure può presentarsi dopo un evento scatenante come un trauma fisico, un'infezione o uno stress psicologico. Scopo e obiettivi Lo scopo principale di questo elaborato è valutare, attraverso le analisi dettagliate degli articoli ricercati sulle banche dati, che l’attività fisica aerobica apporta maggiori benefici e migliora la qualità della vita delle persone fibriomialgiche, rispetto alla sola terapia passiva, come i massaggi, la TENS e lo stretching. Metodo La domanda di ricerca è la seguente: “Dato che ci sono varie tipologie di intervento della fibromialgia per ridurre il dolore e migliorare la qualità di vita facilitando, dunque il ritorno alle attività quotidiane, ci siamo domandati quali dei due trattamenti tra quello attivo improntato sull’attività aerobica e quello passivo improntato su massaggi, stretching e TENS, potesse apportare maggiori benefici”. La metodologia impiegata è la ricerca bibliografica. Gli articoli sono stati ricercati su diverse banche dati con parole chiave associate tra di loro. Sono stati inclusi articoli che trattano di studi eseguiti in tutto il mondo con gruppi di controllo e gruppi sperimentali o di riabilitazione. Risultati In totale sono stati esaminati 15 articoli scientifici. Di questi 15 articoli, ne abbiamo esclusi 6 poiché non rispondenti all’argomento trattato; i restanti 9 sono stati scelti perché erano inerenti all’ambito di ricerca. Tutti gli articoli presi in considerazione affrontano il tema principale relativo alla riabilitazione del paziente con fibromialgia. Nei diversi studi sono stati considerati diversi outcome di riferimento per documentare la validità del programma riabilitativo. Conclusioni Dall’analisi degli articoli è possibile dedurre che un’adeguata attività fisica composta da esercizio aerobico migliora i sintomi e la qualità della vita nelle persone con fibromialgia. Il trattamento passivo (TENS, massaggio, stretching) combinato con la terapia attiva, è utile per un rapido sollievo dal dolore.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: Fibromialgia, attività fisica aerobica
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2528

Actions (login required)

View Item View Item