Nucleo per artisti al Murnerei (Gole della Breggia): il rinascimento a Murnerei

Gervasoni, Giada (2018) Nucleo per artisti al Murnerei (Gole della Breggia): il rinascimento a Murnerei. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text (Tavola 1)
tav 01_corretta.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (87MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 2)
TAV 02.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (205kB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 3)
tav 03.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (193kB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 4)
TAV 04.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (971kB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 5)
TAV 05.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (6MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 6)
TAV 06.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (776kB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 7)
TAV 07.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (32MB) | Request a copy

Abstract

L’idea di progetto è scaturita da un masterplan iniziale che vuole andare a ricordare la relazione tra le corti dei conventi con la chiesa. Il tutto viene reinterpretato per adempiere al mandato ricevuto. La scelta del masterplan numero 5 è stata fatta proprio perché questo tipo d’inserimento permetteva di legarsi al nucleo esistente senza andare a toccare le preesistenze sul nostro lotto. Inoltre riprendeva molto similmente la situazione del nucleo nel 1933. Il progetto si sviluppa attraverso una geometria precisa, tipica dei conventi. La geometria precisa degli edifici permette di andare ad inserirsi sul lotto senza andare a toccare gli elementi esistenti, mantenendo quindi un rispetto, oltre che per le rovine, anche per l’argine del fiume che viene quindi mantenuto naturale e intatto. Nascono due nuove corti, una dedicata ai visitatori e una per gli artisti che vi soggiornano. La prima corte dedicata al pubblico corrisponde al sagrato della chiesa ed è definita da due edifici pubblici adibiti ad esposizione delle opere e a zona di ristoro. Proseguendo il percorso e passando attraverso un portale, creato grazie all’unione dei due edifici pubblici al primo piano, si arriva alla seconda corte più intima, dedicata agli atelier e agli alloggi per gli artisti. Le rovine diventano spazi nei quali possono essere organizzate esposizioni esterne o proiezioni. Il nuovo nucleo vuole legarsi alla tradizione reinterpretando quelli che sono i tipici elementi costruttivi del vecchio nucleo in un linguaggio contemporaneo. La gronda viene eliminata per andare a sottolineare i volumi, il canale di gronda rimane un elemento sporgente che va a definire il perimetro degli edifici. Le aperture sono piccoli scorci sull'ambiente esterno, questo perché si vuole dare all'artista la tranquillità di cui necessita per lavorare indisturbato. Quest'ultime sono disposte in facciata attraverso un ritmo regolare che vanno a creare un gioco movimento in facciata. L'intento è quello di creare un nucleo dove ci si possa confrontare e fare nuove esperienze, lasciando però il giusta intimità all'artista per lavorare e cercare la propria pace interiore. Il rinascimento di Murnerei inteso come cambiamento per un nuovo modo di concepire il nucleo diventa un ampliamento che rispetta l’ambiente già costruito e per le persone che ospita. Come nel rinascimento, i cambiamenti non avvengono di punto in bianco, ma riscoprendo dei modelli antichi e riutilizzati. Attraversò la semplicità nel sistema costruttivo volume, spazi e luce all’interno dell’edificio sono organizzati armoniosamente attraverso giochi di simmetrie.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Guscetti, Giorgio and Cattaneo, Massimo and Marazzi, Massimo
Subjects: Costruzioni
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Architettura
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2477

Actions (login required)

View Item View Item