Nucleo per artisti al Murnerei (Gole della Breggia): views and tradition

Pozzi, Davide (2018) Nucleo per artisti al Murnerei (Gole della Breggia): views and tradition. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text (Tavole)
Tesi 07.09.18.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (105MB) | Request a copy

Abstract

Trovandoci in prossimità di un nucleo ho fin da subito voluto riproporre quei temi che sono ricorrenti ovvero la corte, i percorsi e gli scorci tra edifici. Volendo sostenere questo mio obiettivo ho quindi trovato nel masterplan 4 la base dal quale partire siccome sono presenti questi temi, oltre che proporre una copertura che tenesse uniti tutti i vari blocchi. Il progetto è basato su un raster di 3 x 3 m. sopra al quale i blocchi si sviluppano lasciando degli scorci tra di loro dove puntualmente vi è una vetrata che guarda attraverso. Questo raster è estremizzato grazie alla pavimentazione in calcestruzzo dove i giunti dettano le dimensioni di tutti gli edifici. È stata fatto un ragionamento anche per quanto riguarda lo smaltimento delle acque pensando quindi ad una caditoia a fessura che posta in prossimità del giunto non interrompe il raster ma bensi lo enfatizza. Anche i percorsi sono segnalati da questa pavimentazione discostandosi da quella in acciottolato che collegherà la corte principale con quelle limitrofe. Nel nuovo nucleo si accede attraverso un portale e una scalinata che mi indirizzano dapprima nella corte con il grande platano e poi continuando il percorso si arriva nella corte degli artisti, dove dalle varie vetrine si potranno vedere le loro skills. I blocchi per atelier e appartamenti sono identici tra loro e pensati con una doppia altezza dove la copertura del tetto in prossimità dei blocchi ad angolo detta la dimensione del piano soppalco. La copertura continua era uno dei temi principali del masterplan e ho voluto quindi mantenerla pensando ad un tetto a un falda cosi da avere dei diversi rapporti spaziali. All'interno della corte degli artisti ho infatti un'altezza ridotta delle facciate che non va a soffocare questo spazio. Verso invece la corte con il platano e il fiume dove vi sono degli spazi aperti, la dimensione delle facciate si rapporta con il nucleo vicino continuando quindi il profilo degli edifici. Ho voluto anche far trasparire quella che è la struttura essenziale del tetto evidenziandola e non oscurandola in prossimità dei vuoti tra gli edifici dove la copertura è resa nuda. Restando sempre molto vicino a quello che è il contesto ho pensato ad una muratura in monoblocco intonacata, il materiale che veniva utilizzato in passato ma che soddisfa i vincoli del presente. Anche le aperture sono pensate e studiate per relazionarsi con il nucleo, pensando quindi ad un elemento in calcestruzzo che contenga una persiana scorrevole e che funga da mazzetta per il serramento in legno retrostante, lasciando dall'esterno la vista del solo vetro. Quindi un elemento della tradizione quale la finestra con la persiana viene riproposto in chiave moderna.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Marazzi, Massimo and Cattaneo, Massimo and Guscetti, Giorgio
Subjects: Costruzioni
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Architettura
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2444

Actions (login required)

View Item View Item