Nucleo per artisti al Murnerei (Gole della Breggia): the Wall

Del Siro, Sarah (2018) Nucleo per artisti al Murnerei (Gole della Breggia): the Wall. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text (Tavola 1)
T1.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (35MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 2)
T2.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (438kB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 3)
T3.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (6MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 4)
T4.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 5)
T5.jpg
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (37MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 6)
T6.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 7)
T7.jpg
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (42MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 8)
T8.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (2MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 9)
T9.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy

Abstract

Questo progetto è dunque nato dalla necessità di ampliare il nucleo esistente all'inizio del Parco della Breggia aggiungendo delle strutture complementari. Uno studio dell'architettura rurale locale e regionale ha permesso di estrapolare gli elementi tradizionali ritenuti più importanti da riportare ed includere nel progetto, in particolare il ballatoio, la scala ed il tetto a falde. Nel progetto, il muro del nucleo tradizionale, ripreso sia per la sua pesantezza che per la sua colorazione, diventa pertanto uno dei concetti chiave in questa ricerca di continuità. Va specificato che le aperture principali delle due costruzioni sono rivolte verso la propria corte mentre quelle verso l'esterno sono di dimensioni assai più ridotte: si vuole presentare un nucleo creativo rivolto verso la propria interiorità da cui l'ambiente circostante non è eliminato ma ridimensionato per permettere fugaci intrusioni in esso. Per delimitare gli spazi privati degli artisti si è deciso di inserire uno scalino, un elemento minimo e non intrusivo, che permette una separazione fisica e simbolica con lo spazio pubblico. Il progetto prevede la creazione di due nuove corti: la corte degli artisti e la corte d'esposizione. L'accesso alla parte nuova, dunque, conduce immediatamente alla corte d'esposizione, dotata di una superficie esterna atta alla disposizione di opere artistiche od alla contemplazione del paesaggio circostante all'ombra del platano. Continuando, si può accedere all'edificio delle esposizioni interne che crea un fronte di continuità essendo costruito a ridosso dell'ex birrificio e provvisto di un piccolo bar zona angolo al pianterreno appena prima degli spazi espositivi veri e propri. Un lungo corridoio tra i due edifici permette l'accesso diretto alla corte degli artisti e si arriva in uno spazio diverso, più chiuso rispetto a quello iniziale, perché cinto su tre lati dall'edificio e dalla montagna nell'ultimo. Questo edificio presenta un ballatoio per accedere a tutti gli spazi del piano superiore. Due scale, poste alle due estremità, permettono ai singoli artisti di raggiungere il proprio spazio-obbiettivo più facilmente. Il dettaglio della scala, ripreso dalla tradizione, è stato modernizzato: le prime due alzate sono in calcestruzzo mentre le altre sono in legno di castagno con un’anima in acciaio. Al pianoterra troviamo gli spazi di lavoro per gli artisti e la zona deposito con il locale tecnico. Al piano superiore, invece, sono situati gli appartamenti, una lavanderia comune e la loggia con una zona griglia per favorire momenti conviviali tra gli abitanti.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Marazzi, Massimo and Cattaneo, Massimo and Guscetti, Giorgio
Subjects: Costruzioni
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Architettura
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2422

Actions (login required)

View Item View Item