Nucleo per artisti (Gole della Breggia)

Battaglia, Camilla (2018) Nucleo per artisti (Gole della Breggia). Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text (Tavola 1)
Tavola 1.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (2MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 2)
Tavola 2.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 3)
Tavola 3.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (261kB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 4)
Tavola 4.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (337kB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 5)
Tavola 5.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 6)
Tavola 6.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (934kB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 7)
Tavola 7.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 8)
Tavola 8.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (651kB) | Request a copy

Abstract

L'idea iniziale è stata quella di realizzare un nucleo di abitazioni atelier con una certa relazione con l'argine esistente. Il problema dell'argine è stato un problema comune all'interno dell'atelier e dunque la mia proposta per deviare a questo problema è la seguente: l'evoluzione del progetto mi ha portato ad avere degli elementi disposti ad arco di cerchio e sviluppati lungo tutto l'argine esistente, senza andare a modificare la sua forma in quanto riguarda un investimento di denaro non indifferente. La disposizione delle singole abitazioni vanno a creare degli spazi tra le stesse tutti uguali tra di loro, zone più private e dedicate ad ogni singolo artista per lavorare oppure rilassarsi, ovvero all'interno potranno concepire le loro idee mentre all'esterno potranno essere messe in pratica. Questi spazi sono stati ipotizzati così aperti per andare a generare un rapporto diretto con la corte principale del lotto che è invece una zona dedicata alla collettività. Inoltre, in questo modo, si potranno evitare filtri tra gli spazi comuni e quelli più privati. I blocchi comuni invece sono stati pensati collegati tra di loro e con un rapporto con le rovine e il terreno circostante. Il primo blocco comune va a cercare un rapporto con la rovina alta: cercando però di non andare a sovrastare, infatti non si trova allineata ma bensì discostata dello spazio del muro. L'idea iniziale è stata quella di realizzare le abitazioni-atelier come unico spazio invece di creare due spazi divisi senza alcuna relazione tra di loro. Con questa prima concezione progettuale ho generato un atelier al piano terra con uno spazio completamente aperto e unico, uno spazio flessibile che si può adattare alle esigenze di qualsiasi artista ci vada a lavorare. Vi è un unico elemento fisso: il blocco scala che è collegato direttamente al blocco bagno in modo da formare un elemento unico. Creano maggiore unità in quanto l'intero elemento appare come un armadio fisso che segue le forme della scala e quella del soffitto al di sopra del bagno. L'armadio al di sotto della scala è stato pensato per poter ospitare un guardaroba e gli impianti che necessitano per il corretto funzionamento della casetta. Lo spazio dell'atelier si divide in due zone differenti tra di loro: la zona d'entrata e dunque quella principale presenta un'unica altezza che segue l'andamento del tetto, mentre nella parte che finisce a sbalzo si trova un mezzo piano o soppalco, dunque in quella parte l'altezza è ridotta ad una misura minima, ovvero 2.30 metri. Al piano superiore si trova una zona più privata che ospita il letto e un armadio posizionato sopra il blocco bagno, per semplificare e posizionare al meglio gli impianti.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Marazzi, Massimo and Cattaneo, Massimo and Guscetti, Giorgio
Subjects: Costruzioni
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Architettura
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2416

Actions (login required)

View Item View Item