Storie, utopie e progetti per Bellinzona: la città di Carloni, Snozzi e Vacchini

Gemetti, Valeria and Siani, Gabriele (2018) Storie, utopie e progetti per Bellinzona: la città di Carloni, Snozzi e Vacchini. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text (Tavola 1)
SUPSI-Gemetti+Siani-1.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 2)
SUPSI-Gemetti+Siani-2.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (5MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 3)
SUPSI-Gemetti+Siani-3.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 4)
SUPSI-Gemetti+Siani-4.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 5)
SUPSI-Gemetti+Siani-5.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 6)
SUPSI-Gemetti+Siani-6.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (3MB) | Request a copy

Abstract

La volontà è stata quella di citare l’atmosfera di uno spazio di lavoro anni ‘60 che potesse ricollegarsi al materiale ed al periodo storico in cui gli architetti hanno operato. Lo scopo per noi è quello di ricordare quel tipo di atmosfera senza però cadere nell’inscenazione. Il tutto deve comunque mantenere il carattere museale che l’esposizione richiama. E’ stata fatta una ricerca di tutti quei “motivi” architettonici che potessero rievocare tale atmosfera. Si è cercato di capire fondamentalmente lo spirito e cosa succedeva in quegli anni di grande fervore, innovazione e rivoluzione. Abbiamo introdotto un colore che potesse caratterizzare lo spazio espositivo e gli elementi all’interno di esso. Il colore rosso è stato ripreso dalle immagini dello studio dell’Architetto Tita Carloni. Si è presa ispirazione sicuramente dal contesto artistico sociale e culturale degli anni 60’, 70’.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Zaccarelli, Giulio
Subjects: Costruzioni
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Architettura d'interni
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2412

Actions (login required)

View Item View Item