I vissuti dei beneficiari di prestazioni dell’assistenza pubblica : intervista biografica a sei beneficiari di prestazioni assistenziali residenti nel Grigione italiano

Sartori, Gaia (2018) I vissuti dei beneficiari di prestazioni dell’assistenza pubblica : intervista biografica a sei beneficiari di prestazioni assistenziali residenti nel Grigione italiano. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Sartori_Gaia_Tesi.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (2MB)

Abstract

Il tema del presente lavoro di tesi è emerso durante il semestre di pratica professionale svolto presso il Servizio sociale Moesa. Nel Cantone dei Grigioni la procedura per le domande di assistenza pubblica prevede che la persona che si trova in condizione di bisogno si rivolga al servizio sociale regionale competente. Le assistenti sociali offrono consulenza in materia di assistenza pubblica e si occupano dell’elaborazione delle richieste e dei calcoli mensili del contributo assistenziale. In un contesto come quello svizzero, il mercato del lavoro è sempre più esigente e tende ad escludere tutta una serie di persone che si trova costretta a chiedere sostegno a livello finanziario. Esistono anche persone che svolgono un’attività lucrativa e che beneficiano delle prestazioni dell’assistenza pubblica, ad esempio i cosiddetti working poor oppure i sottoccupati. Dai colloqui svolti con i beneficiari emergono dunque differenze e specificità relative ad ogni singola situazione. Il presente lavoro di tesi si prefigge di dare voce ed attenzione alle persone a beneficio di prestazioni dell’assistenza pubblica, accogliendo i loro vissuti. L’interrogativo di ricerca a cui si è voluto dare risposta è il seguente: Quali sono i vissuti individuali, relazionali e professionali delle persone che beneficiano di prestazioni assistenziali? Per poter rispondere a questo interrogativo, è parso adeguato utilizzare quale strumento di ricerca l’intervista biografica. Questo tipo di intervista permette infatti alle persone di raccontare la propria esperienza relativa ad un segmento della propria vita, in questo caso in relazione al beneficio delle prestazioni assistenziali. I racconti dei sei intervistati sono stati analizzati verticalmente per permettere di coglierne caratteristiche e specificità che le rendono uniche. Dalle interviste emergono spesso vissuti negativi correlati al beneficio delle prestazioni assistenziali quali ad esempio sentimenti di stigmatizzazione, demoralizzazione ed esclusione sociale. Sullo sfondo c’è l’intento della ricercatrice di elaborare delle strategie d’intervento funzionali per ognuna delle situazioni prese in esame, considerando l’unicità e l’irripetibilità di ognuna di esse. Sono molti gli spunti di riflessione che ne scaturiscono e che vengono approfonditi nel testo, quali ad esempio l’importanza della formazione professionale e della visione che ognuno ha di sé, oppure il vissuto e le implicazioni di un’attività di volontariato o delle attività di utilità pubblica. Dal presente lavoro emerge inoltre che il “semplice” fatto di venir ascoltati genera dei sentimenti di accettazione e valorizzazione che possono avere un effetto positivo anche in termini di proattività e partecipazione della persona nel suo percorso.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale
Uncontrolled Keywords: servizio sociale, assistenza pubblica, intervista biografica, ascolto, vissuto, mondo del lavoro, povertà relativa, esclusione sociale
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2328

Actions (login required)

View Item View Item