Le cure palliative : il ruolo dell’assistente sociale nel progetto di Consulenza Integrata dell’Ospedale Italiano di Lugano

Pozzi, Stefania (2018) Le cure palliative : il ruolo dell’assistente sociale nel progetto di Consulenza Integrata dell’Ospedale Italiano di Lugano. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Pozzi_Stefania_Tesi.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (841kB)

Abstract

Le cure palliative nel Canton Ticino sono tutt’ora in fase di sviluppo e costruzione. Uno dei luoghi per promuovere la necessità di implementazione di tali cure che è stato scelto è l’Ospedale Italiano di Lugano. Presso il nosocomio è stato creato ed è partito dal settembre 2017 un progetto di Consulenza Integrata nell’ambito delle cure palliative, alla base del quale è stata creata un’équipe multidisciplinare di presa a carico. Attualmente i componenti del team sono: medico capo servizio di cure palliative, infermiere specializzato in cure palliative, fisioterapista, dietista, assistente spirituale e assistente sociale. Le cure palliative considerano il dolore e la sofferenza della persona come totale e in quanto tale si presuppone che anche la presa a carico lo sia, per questo la necessità di un gruppo di lavoro con al suo interno differenti professionalità. Tra le professioni coinvolte nella presa a carico troviamo anche l’assistente sociale ed è su questo che si incentra il lavoro di ricerca seguente; quali mansioni un assistente sociale è tenuto ad assumere in un ambito che è prettamente medico, ma che sempre di più considera non solo il benessere fisico, bensì anche quello psicologico sociale e spirituale? Per rispondere alla domanda di ricerca è stata sottoposta un’intervista a tutti i membri del team, le cui domande sono state strutturate in modo da portarli a riflettere oltre che sul ruolo dell’assistente sociale, anche sul proprio ruolo ed il funzionamento generale del progetto, in modo da poter andare ad analizzare qualitativamente anche il funzionamento generale dello stesso. Grazie alle interviste e la partecipazione diretta alla presa a carico svolta nel corso dei mesi di pratica professionale, è stato possibile delineare il ruolo dell’assistente sociale all’Interno del progetto di Consulenza Integrata, individuando quattro termini che ne descrivono il ruolo: navigare, facilitatore, voce e tratto d’unione. Contemporaneamente a ciò sono emersi diversi elementi di riflessione anche per quanto concerne il progetto. Progetto che, ad un anno dall’inizio, risulta rispondere ad una sempre maggiore richiesta di cure palliative nel Canton Ticino. Dagli intervistati sono state esposte differenti problematiche, che solo in minima parte sono riconducibili direttamente progetto, come ad esempio la mancanza di tempo, conseguenza di un numero elevato di pazienti rispetto a quanto fosse stato ipotizzato all’inizio del Progetto. Aspetto, il tempo, che è stato trattato da subito e che attualmente è in via di risoluzione con il riadattamento dei contingenti lavorativi dei professionisti dell’équipe. Quello dell’Ospedale Italiano è quindi da considerarsi un tentativo positivo di supplire ad una mancanza del territorio. A livello territoriale è emerso che nel nostro Cantone urge la creazione di un luogo adibito alle cure palliative, che esca non solo da un reparto di medicina generale come quello dell’OIL, ma anche da un contesto prettamente oncologico come ad esempio l’Istituto Oncologico della Svizzera Italiana, dove è situata l’Unità di Cure Palliative.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale
Uncontrolled Keywords: ruolo, ospedale, cure palliative, multidisciplinarietà, équipe, territorio
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2325

Actions (login required)

View Item View Item