Collocamenti e difficoltà di rientro a casa per gli adolescenti del Centro di Pronta Accoglienza e Osservazione : strumenti, limiti e rappresentazioni dell’operatore sociale

Almeida Pina, Marilène (2018) Collocamenti e difficoltà di rientro a casa per gli adolescenti del Centro di Pronta Accoglienza e Osservazione : strumenti, limiti e rappresentazioni dell’operatore sociale. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Almeida_Pina_Marilène_Tesi.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Il seguente lavoro di tesi si incentra su un’indagine qualitativa condotta rispetto al tipo di sostegno che viene dato alle famiglie in difficoltà, in particolare ai genitori e ai figli, che per varie ragioni, vengono collocati presso gli istituti per minori presenti sul territorio ticinese. Il contesto nel quale si effettua l’indagine è il Centro di Pronta Accoglienza e Osservazione (PAO), luogo unico sul territorio per l’accoglienza in urgenza di minori e cruciale per il futuro delle famiglie. La ricerca parte da un interesse personale maturato sul tema grazie alla pratica professionale svolta presso il Centro PAO durante l’ultimo semestre di formazione, nonché dall’approfondimento del rapporto d’attività del Centro PAO 2017. Questo mostra che i rientri in famiglia hanno rappresentato il 48% nel 2017 (solo il 10% nel 2016) contro il 48% dei collocamenti in istituto, foyer o struttura terapeutica. Per riuscire ad analizzare la tematica in tutta la sua complessità, senza riduzionismi, l’indagine si focalizzerà solo sulla fascia d’età adolescenziale poiché l’accoglienza degli adolescenti è una tendenza che, come ampiamente documentato nel rapporto precedentemente citato, risulta essere in significativo aumento. Inoltre verranno considerati solo i collocamenti avvenuti per conflitto familiare e ingestibilità educativa in ragione del fatto che, questi, rappresentano il 65% del totale dei collocamenti. A partire da queste premesse, la seguente ricerca, si prefigge dunque lo scopo di far emergere attraverso le interviste poste a quattro educatori del Centro PAO, le risorse, i limiti e le rappresentazioni degli operatori nei confronti del Centro stesso e dei servizi territoriali. Questo per comprendere in che modo vengono sostenute le famiglie vulnerabili nei casi di allontanamento del minore. Da questa prospettiva, la vulnerabilità delle famiglie, il conflitto tra adolescenti e famiglie d’origine, la scelta di collocamento e la difficoltà di rientro a casa, saranno le dimensioni indagate per tentare di costruire una lettura complessiva e il più possibile approfondita rispetto alla progettualità che, a livello educativo, è possibile attivare nella presa a carico dei minori collocati al PAO all’interno di una visione che includa anche le reali opportunità di promozione di un lavoro con le loro famiglie d’origine.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Educatore sociale
Uncontrolled Keywords: famiglia, genitori, minori, figli, adolescenti, collocamenti, istituzionalizzazione, CEM, SAE, rientri, collaborazione, conflitto familiare, ingestibilità educativa, sostegno, tutela, famiglie vulnerabili, PAO, servizi territoriali, etica, giustizia, cura
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2290

Actions (login required)

View Item View Item