La Clownterapia e i suoi effetti : una revisione della letteratura

Biondolillo, Lisa (2018) La Clownterapia e i suoi effetti : una revisione della letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Biondolillo Lisa.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (799kB)

Abstract

Background Il ricovero di un bambino in ospedale comporta cambiamenti notevoli, per lui e per tutta la sua famiglia. La figura del clown dottore può costituire un piacevole approccio per far affrontare al piccolo paziente un momento di sofferenza. Il clown esce dal mondo del circo per entrare in quello sanitario, in particolare pediatrico, con lo scopo di aiutare i bambini ad affrontare il ricovero, mantenendo vivi il gioco, i sogni e la fantasia. Lo scopo fondamentale di questo personaggio comico è quello di sdrammatizzare la percezione dell’immagine medica e infermieristica da parte del bambino e prendersi cura della sua parte sana, ossia quella che ha bisogno di esprimersi attraverso il gioco, la fantasia, la paura e il sorriso. La clown – terapia quindi nasce partendo dal presupposto che l’umorismo sia associato al benessere dei pazienti. Deviare l’attenzione del bambino dal dolore verso un piacevole stimolo attraverso la risata e l’umorismo, favorisce il rilascio di endorfine e riduce la produzione di ormoni correlati allo stress. Obiettivi Il seguente lavoro di Bachelor è volto ad approfondire le conoscenze in merito agli effetti dell’applicazione della clown – terapia nei bambini ricoverati in ospedale e indagare quanto gli effetti dell’uso di questa tecnica non farmacologica siano efficaci. Metodologia della ricerca Per questo lavoro di tesi si è scelto di svolgere una revisione della letteratura. Sono stati selezionati 8 articoli scientifici, pubblicati dal 2017 al 2010, attraverso una ricerca bibliografica nelle seguenti banche dati: PubMed, Google Scholar e CINHAL (EBSCO. Risultati I risultati evidenziano che la terapia della risata riduce notevolmente l’ansia dei bambini in fase pre – operatoria. Moderatamente viene diminuita anche quella provata dai genitori. L’età dei bambini a cui il clown si rivolge influenza i risultati, in quanto l’ansia del bambino diminuisce all’aumentare dell’età indipendentemente dall’intervento del clown. Infine, l’intervento del clown nella riduzione dell’ansia dei bambini, aumenta la collaborazione paziente – infermiere. Conclusioni La riduzione dell’ansia in un reparto pediatrico è di fondamentale importanza, in quanto quest’ultima influisce sul decorso del piccolo paziente. La diminuzione di questo sentimento nel bambino permette che anche il genitore sia meno preoccupato, favorendo una collaborazione paziente – genitore – infermiere più efficace, con un miglioramento delle cure e una riduzione dei tempi di ricovero e guarigione.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: clownterapia, bambini, pediatria
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1977

Actions (login required)

View Item View Item