Un’Armata Video : lavoro di ricerca e approfondimento sull'esperienza della costruzione e conduzione di un progetto partecipato di tipo video-documentaristico all'interno del Club ’74 di Mendrisio

Rigozzi, Gloria (2017) Un’Armata Video : lavoro di ricerca e approfondimento sull'esperienza della costruzione e conduzione di un progetto partecipato di tipo video-documentaristico all'interno del Club ’74 di Mendrisio. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Rigozzi_Gloria.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Il lavoro Un’Armata Video nasce grazie all’ispirazione e all’interesse emersi durante i mesi di pratica professionale svolti presso il Servizio di socioterapia dell’Organizzazione Sociopsichiatrica Cantonale. Il tema su cui si è scelto di sviluppare la Tesi ha origine da un’esperienza di conduzione di un micro-progetto di tipo partecipato, una proposta di attività con alcuni ospiti, pazienti o ex pazienti, che frequentano gli spazi-atelier che si trovano all’interno del Club ’74 della Clinica Psichiatrica Cantonale di Mendrisio. Nei mesi di pratica del mio stage conclusivo, ho avuto modo di poter proporre, secondo un mio interesse particolare, una possibile attività di tipo video-giornalistico. Attraverso questo lavoro di tesi si è dunque cercato di approfondire meglio l’esperienza vissuta in questi mesi, ripercorrendo il progetto partecipato condotto e indagando sul grado di valorizzazione individuale che questo percorso ha portato ai suoi partecipanti. L’interrogativo principale a cui si è cercato di rispondere tramite questo lavoro è stato: Quale valorizzazione individuale può essere generata da un microprogetto partecipato di tipo video-documentaristico in psichiatria? Per svolgere questo lavoro di analisi sono state raccolte informazioni riguardanti il contesto, dando quindi un quadro contestuale all’intero lavoro. In seguito vi è una breve descrizione della problematica affrontata tratta dalle riflessioni sulla peculiarità del contesto stesso e della personale esperienza al suo interno. I principali temi teorici toccati con questo lavoro sono stati quelli della Psicoterapia Istituzionale francese e della Progettazione Partecipata, due aspetti fondamentali per descrivere e comprendere l’impostazione del metodo di intervento del Servizio di socioterapia. Il percorso di ricerca ha portato a ragionare e indagare l’utilizzo del video in questo particolare campo del Lavoro Sociale. Come metodo per la ricerca empirica è stato utilizzato lo strumento dell’intervista. L’intervista ha dato al lavoro una completezza che altrimenti non avrebbe potuto raggiungere. È stato reputato fondamentale potersi riferire alle parole di professionisti sul campo che da anni lavorano in questo contesto, come è stato importantissimo avere la possibilità di intervistare le persone direttamente coinvolte nel progetto, nessuno meglio di loro poteva conoscere l’esperienza di questo percorso, il loro vissuto a riguardo ha donato molto valore all’intero lavoro. È stata data molta importanza alla descrizione della parte pratica, quindi dell’evoluzione del progetto e dei suoi risultati. Sono stati descritti a fondo il percorso svolto e i suoi partecipanti, con le loro peculiarità, il loro personale impegno nel progetto e le loro enormi risorse. Si è ritenuto che dopo i cenni storci e quelli teorici, fosse fondamentale far comprendere appieno come abbiamo co-costruito questo percorso fino ad arrivare a dei prodotti video-documentaristici definitivi e alla loro proiezione pubblica. Far trasparire l’esperienza viva e il lato umano dell’intero percorso di ricerca è l’aspetto più incisivo dell’intero lavoro. Traendo le conclusioni sui risultati di questa ricerca mi sono ritrovata a svolgere delle riflessioni personali, che mi hanno portata a comprendere l’importanza della conduzione partecipata dei progetti e delle decisioni, con le persone con cui lavoriamo ogni giorno. Questa esperienza mi ha dato molto, ed analizzandola così nel profondo ho potuto fissarla meglio nella mia identità professionale. Ho concluso quindi questo lavoro ponendomi l’obbiettivo di non perdere mai di vista l’aspetto partecipativo, di essere quindi un’Operatrice Sociale che non si accontenterà mai di progetti preconfezionati o decisi per gli altri, ma che ambirà sempre al coinvolgimento attivo delle persone con cui lavora.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Educatore sociale - Luogo di stage: Servizio di socioterapia OSC
Uncontrolled Keywords: progetto partecipato, psicoterapia istituzionale, co-costruzione, psichiatria, club '74, video-documentaristico, videoregistrazione, progettazione
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1899

Actions (login required)

View Item View Item