Radici inestricabili

Puric, Emina (2017) Radici inestricabili. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Puric_Emina.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (7MB)

Abstract

Quali sono in nodi problematici con i quali i curatori educativi si scontrano nei diritti di visita finalizzati al mantenimento di relazione tra minore allontanati e i loro genitori? Questo interrogativo ha costituito il “fil rouge” di tutto il lavoro di tesi. Si è cercato, infatti, di rilevare l’operato professionale che i curatori educativi svolgono per favorire il mantenimento del legame tra genitori e minori allontanati, entrando in merito agli aspetti più delicati, problematici e conflittuali che si nascondono nella dinamica dell’applicazione dei diritti di visita. In particolare, ci si è soffermati sulle implicazioni soggettive e professionali del curatore educativo, evidenziando in seguito le possibili risorse per favorire il benessere del minore allontanato e quello del genitore. La tematica, facendo riferimento ai documenti legali (convenzione ONU, Costituzione svizzera, Codice civile svizzero, Legge sulle famiglie …), viene analizzata anche attraverso una riflessione inerente ai diritti soggettivi del genitore e del minore per poi passare ad un approfondimento riguardo al diritto al mantenimento delle relazioni familiari. Per indagare questa tematica è stata svolta una ricerca qualitativa sul territorio, intervistando quattro curatori educativi e Mario Ferrarini, Direttore dell’Istituto Vanoni di Lugano. Ricorrere all’intervista semi-strutturata, ha permesso di utilizzare una traccia di intervista preparata in precedenza, con però la possibilità di adattare ai singoli la sequenza degli interrogativi, le domande, quali aspetti approfondire, ecc. In questo modo è nata la possibilità di sviluppare degli argomenti non previsti, ma che sono scaturiti durante l’intervista. Sono emerse, in modo significativo, le difficoltà e le complessità della relazione con i genitori di minori allontanati. Difficoltà che per finire si ripercuotono anche sul mandato di curatela educativa. Questa ricerca prende in considerazione principalmente due concetti: la rabbia e la sofferenza. I curatori infatti, percepiscono rabbia da parte dei genitori di minori allontanati, ma se si va a scavare più a fondo, questi genitori sono contraddistinti da una forte sofferenza. Chi soffre, può cercare di far vivere lo stesso sentimento anche alla persona che reputa colpevole della sua condizione. In questo modo, i genitori di minori allontanati, fanno emergere una rabbia e un rancore così forti da implicare una chiusura nei confronti del curatore. In queste situazioni tanto complesse e intricate, la figura professionale può trovarsi confrontata con un forte senso di impotenza. Da un lato vi è infatti l’ideale dell’operatore di mantenere e favorire la relazione del minore con la sua famiglia e dall’altro la realtà dove, per diverse motivazioni, questo non sempre è possibile.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale - Luogo di stage: Ufficio dell'aiuto e della protezione (UAP), Bellinzona
Uncontrolled Keywords: diritto di visita, minore, genitore, curatela educativa, rabbia e sofferenza
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1892

Actions (login required)

View Item View Item